Maduro: “USA fa pressione all’ONU perché non osservi le presidenziali”

CARACAS.- Il governo venezuelano chiede che l’ONU venga ad osservare le prossime elezioni. Ma secondo il presidente Maduro, gli USA starebbero facendo pressione al Segretario Generale dell’organismo, Antonio Guterres con l’obiettivo di dissuadere l’organismo ad assistere alle mega elezioni del 20 maggio.

“Il governo degli USA sta facendo pressione sul Segretario della NU perché non invii una delegazione di osservatori elettorali. Il Segretario Generale sa che è di sua potestà designare commissioni di osservazione elettorale” ha dichiarato Maduro durante la chiusura dell’incontro “Venezuela siamo tutti” dove si sono riuniti simpatizzanti del suo partito provenuti da diverse parti del mondo.

Perciò il presidente ha sollecitato Guterres affinché nomini subito la commissione che dovrà accompagnare il processo elettorale venezuelano per le presidenziali e amministrative statali e municipali.

Quindi, Il mandatario ha richiesto al Segretario Generale “a nome della Repubblica Bolivariana del Venezuela di avere a breve una commissione scelta perché faccia parte dei processi di auditing delle elezioni.”

Tutto secondo l’accordo elettorale

Maduro preme l’ONU sul tasto della famosa intesa sulle “garanzie elettorali” firmata tra il suo governo e Falcón e gli altri candidati.

In tale accordo, si richiede alle Nazioni Unite di conformare una commissione di accompagnamento e osservazione elettorale dei comizi del 20 maggio. Ma la coalizione dell’opposizione MUD ha rifiutato l’accordo e il suo contenuto perché ritiene che non osserva tutte le garanzie richieste.

Garanzie per le quali l’opposizione aveva a suo tempo lottato nelle riunioni in Dominicana senza arrivare a nessuna intesa. Quindi, non fidandosi del governo, non accetta nemmeno l’osservazione delle Nazioni Unite proposta nell’accordo.

L’avvertimento di Florido

E Il presidente della commissione di politica estera dell’Assemblea Nazionale ha annunciato che l’ONU non parteciperà alle presidenziali venezuelane.

Secondo il deputato, l’organismo internazionale considera che il processo elettorale venezuelano non è legittimo.

Ma nonostante l’annuncio di Florido, l’ONU non ha ancora fatto sapere la sua posizione riguardo la richiesta del governo venezuelano. Perciò finché non si saprà quale sarà, la partita rimane aperta.