Offida: nel comune delle Marche niente tasse per 10 anni a nuovi residenti

Offida tenta di contrastare lo spopolamento con bonus bebè e sgravi

OFFIDA (ASCOLI PICENO). – Niente tasse comunali per 10 anni per chi decide di venire ad abitare ad Offida, piccolo Comune in provincia di Ascoli che fa parte dei Borghi più belli d’Italia. Posto su uno sperone roccioso tra le valli del Tesino e del Tronto, famoso per i merletti a tombolo e il vino (Passerina, Pecorino, Rosso Piceno).

La misura è stata decisa dall’amministrazione comunale di centrosinistra per contrastare lo spopolamento: l’antico borgo racchiuso da mura castellane del XV secolo ha poco più di 5.000 abitanti e, come altri centri dell’entroterra, risente di uno decremento demografico ‘naturale’, aggravato dal terremoto. Il progetto ‘Zero per 10′ prevede l’esenzione dalla Iuc (Imposta Unica Comunale), Tari compresa, per dieci anni per i nuovi residenti.

E’ il provvedimento più ambizioso contenuto nel Bilancio di previsione per il triennio 2018-2020, approvato dalla giunta comunale. “Abbiamo lavorato per arrivare a questo punto”, spiega il sindaco Pd Valerio Lucciarini, ricordando che ci sono “aiuti importanti nella legge Barca per lo sviluppo delle aree interne e il progetto per il Piceno”, ma “abbiamo deciso di impegnarci direttamente, di metterci del nostro”.

“L’obiettivo di Offida per il prossimo triennio – annuncia il sindaco – sarà principalmente lo sviluppo”: un pacchetto nel Bilancio, che comprende anche drastiche riduzioni degli oneri di urbanizzazione per ristrutturazione immobili o nuove costruzioni (‘Meno oneri Più case’), ‘Benvenuti Concittadini’, bonus bebè di 500 euro, e ‘Meno tasse’, con la riduzione dell’aliquota Irpef per tutti i cittadini allo 0.78 per mille.

A fronte delle minori entrate il Comune di Offida potrà contare anche sulle risorse provenienti da tre ordinanze sul terremoto e contributi ministeriali. Serviranno, tra l’altro, per la messa in sicurezza del costone di Santa Maria della Rocca, l’avvio della nuova scuola, i lavori alla chiesa di Sant’Agostino.

Tra le attrattive per i nuovi residenti, il centro storico ospita un polo culturale, con una serie di musei, tra cui quello del merletto con un percorso per non vedenti, l’archeologico, quello delle tradizioni popolari e la pinacoteca comunale, l’antico Palazzo Comunale, il teatro ottocentesco Serpente Aureo, ricco di stucchi e intagli dorati, e varie chiese antiche. E per dieci anni non si pagheranno le tasse comunali.