Trovata morta e legata in casa, furto finito male

Truffa i genitori di vittima lupara bianca, arrestato

MONTEGIORGIO (FERMO). – Legata mani e piedi e lasciata morire per 300 euro. E’ quello che è successo ad una donna di 79 anni, trovata morta in casa, sul letto, con polsi e caviglie bloccati con nastro adesivo, in località Alteda di Montegiorgio (Fermo). A scoprirla è stato il figlio Marcello Balestrini, 57 anni, titolare di un’attività artigianale di taglio di pellame per calzature, che abitava con lei.

Al ritorno da una serata in pizzeria, poco prima delle 23 è rientrato in casa, al piano terra di un immobile di due piani in una zona isolata: ha notato una finestra forzata, poi la casa a soqquadro. La madre Maria Biancucci era nella sua stanza, mani e piedi legati: nessun segno di violenza sul corpo, nessuna traccia di coltelli o ferite, ma ormai non c’era più nulla da fare, anche se Balestrini ha chiamato immediatamente il 112 e il 118.

Per i carabinieri di Montegiorgio, guidati dal capitano Gianluca Giglio, l’ipotesi più plausibile è che si sia trattato di un furto finito male. Uno o più malviventi sarebbero entrati in azione, pensando di non trovare nessuno in casa. Ma una volta faccia a faccia con l’anziana, l’avrebbero legata per poter ‘razziare’ la casa indisturbati. La morte sarebbe avvenuta tra le 19 e le 22 circa, forse per un malore a causa dello spavento, oppure per asfissia: il corpo era a faccia in giù. Prima delle 19 Maria Biancucci era stata vista da alcuni parenti.

I carabinieri hanno eseguito rilievi di polizia scientifica. Sentiti Balestrini e un altro figlio, oltre a vari testimoni. I due figli hanno anche cercato di fare un inventario di soldi e oggetti che potrebbero essere stati rubati: non è ancora finito, ma mancano all’appello 300 euro in contanti. Intanto il corpo è stato trasferito all’ospedale di Fermo: per accertare le cause della morte sarà necessaria l’autopsia che dovrebbe essere disposta domani.

La Procura di Fermo ha aperto un fascicolo per omicidio e procede contro ignoti. Sconvolta la piccola comunità di Montegiorgio, poco meno di 7.000 abitanti nel cuore di distretto calzaturiero fermano: il sindaco Armando Benedetto parla di una “violenza inaudita e immotivata, contro una signora anziane inoffensiva. Prima c’era stato qualche furto in casa, mai si era arrivati a questo punto”.