Champions: sorteggio terribile, Juve e Roma rischio derby

ROMA. – Barça e Real in pole, City e Bayern in seconda fila, davanti a Liverpool e Siviglia. Potrebbe essere questa la griglia di ‘pericolo’ del sorteggio dei quarti di Champions che andrà in scena domani a Nyon. Senza tener conto il rischio di un derby in campo europeo. Tra le otto migliori d’Europa ci sono anche Juventus e Roma e, fatta eccezione per Atletico e Psg, bianconeri e giallorossi già sanno che avranno a che fare con il meglio del calcio europeo.

Con qualche leggero ed ovvio distinguo: le due regine del calcio spagnolo, Real e Barça, rappresentano, il vero pericolo da evitare per Allegri e Di Francesco. Non fosse altro per lo strapotere fisico e tecnico messo in mostra contro Psg e Chelsea, non due squadre qualunque. E in ogni caso, sa di predominio il salsa catalana anche il City di Guardiola.

Il Barcellona, che sta dominando la Liga, ha archiviato il 15/o risultato utile consecutivo, non prende gol da oltre 400′ e là davanti ha un asso che, per dirla alla Simeone o Conte, “decide da solo le partite”. Trovarsi contro Leo Messi non sarebbe davvero un bel regalo per Juventus e Roma che certamente non sorriderebbero nemmeno davanti all’eventualità di trovarsi davanti il Real di CR7 che ha ‘triturato’ il Psg.

I blancos, archiviata ormai la Liga (il Barca è lontano 15 punti) e fuori dalla Coppa del Re, hanno solo l’obiettivo Champions davanti e, soprattutto, sanno come si vince. Passato il momento buio, Zidane ha ritrovato la verve di C.Ronaldo, in gol a ripetizione nelle ultime uscite, ha recuperato giocatori infortunati e ha una qualità impressionante nell’organico, forse la più alta di tutto il lotto.

Non fa meno paura il Bayern di Jupp Heynckes che ha ha spazzato via le titubanze di inizio stagione (con Ancelotti in panchina) e trovato la quadratura che l’ha già portata a ipotecare la Bundesliga (20 punti di vantaggio sullo Schalke, seconda), a vincere 26 delle ultime 29 partite disputate e a presentare un Lewandowski vecchia maniera (32 gol in 36 gare).

Un gradino più sù dei bavaresi, in termini di pericolosità, si colloca il City di Pep Guardiola, sicuramente la squadra più continua dall’inizio della stagione, che non vive solo di un attacco super (Aguero, Sanè, Silva, Sterling, De Bruyne, e il rientrante Gabriel Jesus) ma anche di una difesa più accorta come dimostrano le poche reti subite ultimamente (5 in 11 gare).

Le due squadre più alla portata (si fa per dire) restano così Liverpool e Siviglia. Il club andaluso è la vera sorpresa del lotto), avendo fatto fuori un colosso come il Manchester United. Se in Liga la squadra di Montella (subentrato a Berizzo a fine dicembre) non decolla – è 5/a a 11 punti dalla zona Champions – con le Coppe il club biancorosso ha un feeling micidiale come dimostrano le 5 Europa League vinte (tre di fila dal 2013) e la finale appena conquistata in Coppa del Re.

Per Juve e Roma sarebbe una sorta di deja vu, considerando i tanti ex Serie A che ci giocano: Banega, Muriel, Correa, Vazquez, Kjaer. Una squadra ‘pazza’ potrebbe invece essere il Liverpool, capace di exploit incredibili (7-0 a Maribor e Spartak Mosca, 5-0 al Porto), ma anche di sconfitte pesanti quando l’asticella si alza (in Premier ha perso contro City, Tottenham e United).

I Reds regalano spettacolo e gol e hanno trovato in Momo Salah un goleador straordinario (32 reti in 40 partite, di cui 6 in Champions): anche ‘orfani’ di Coutinho, l’egiziano, Firmino e Sanè formano in tridente davvero esiziale (68 reti in tre), immarcabile quando è in giornata. Le date dei quarti saranno 3-4 aprile per l’andata e 10-11 aprile per il ritorno.