F1 Bahrain: Ferrari illumina le libere, Mercedes staccate

Raikkonen in pista con la sua Ferrari
Raikkonen batte Vettel, Bottas meglio Hamilton

ROMA. – La Ferrari illumina i primi sprazzi di Formula 1 sotto le luci artificiali del circuito nel deserto di Sakhir. Nella seconda sessione di libere del Gran Premio del Bahrain le Rosse rifilano mezzo secondo alle Mercedes con Kimi Raikkonen meglio di Sebastian Vettel ad incorniciare un bel venerdì per la scuderia di Maranello che nella prima sessione aveva occupato il terzo e quarti posto nella griglia dei tempi con il finlandese sempre davanti al tedesco.

Stesso copione in termini di gerarchie tra piloti anche per la Stella d’Argento dove Valtteri Bottas dà segni di risveglio dopo il ko di Melbourne finendo le FP2 davanti al compagno e campione del mondo Hamilton. Dietro alle due big del Circus ancora una volta una ottima Red Bull che ha evidenziato un passo gara super che fa ben sperare Mark Verstaoppen e Daniel Ricciardo rispettivamente quinto e sesto nelle seconde prove libere.

Una sessione in cui Raikkonen si è trovato particolarmente a proprio agio pur ammettendo che si tratta sempre di un venerdì in cui i veri rapporti di forza tra i team non possono essere chiari al 100%. Entrambi i piloti si sono concentrati sul loro programma, impegnandosi prima su sequenze di giri brevi per passare poi ai long-runs, e utilizzando set di pneumatici Soft e Supersoft.

”Sono abbastanza contento, cerchiamo delle soluzioni, spero che domani si possano mettere tutte insieme – spiega il pilota finlandese della Ferrari – E’ stato un venerdì normalissimo questo mi rende felice. Sì, è solo venerdì, abbiamo provato diverse cose e si cerca sempre di imparare. Ora speriamo di mettere insieme tutte le cose, che secondo noi sono quelle giuste. Io sono molto contento, ma non dimentichiamo che è stato solo un venerdì”.

Poi Raikkonen spiega il problema alla fine delle prove che lo ha costretto a fermare la SF71H a circa 15 minuti dal termine delle FP2: ”È stata l’anteriore, un incidente normale. Ho sentito delle vibrazioni e il team mi ha detto di rallentare e spegnere”.

Un venerdì in cui oltre alle libere il Circus ha cominciato a intravedere il suo futuro: i proprietari di Liberty Media hanno divulgato le linee guida di quella che dovrebbe essere la nuova organizzazione della massima serie dell’automobilismo a partire dal 2021, scaduto l’attuale Patto della Concordia. Meno costi e più spettacolo l’obiettivo complessivo presentato dal presidente Chase Carey e il direttore operativo Ross Brown che hanno incontrato in Bahrain i 10 team principal delle scuderie.