Aveledo: uscita democratica dalla crisi, auspicio dei governi esteri

L’uscita dalla crisi venezuelana trova il suo sbocco nella democrazia e non nell’intervento militare
L’uscita dalla crisi venezuelana trova il suo sbocco nella democrazia e non nell’intervento militare

CARACAS.-La voce di Ramón Guillermo Aveledo scarta l’intervento militare estero e ribadisce che l’unica via di uscita dalla crisi è quella democratica.

Il dirigente del Fronte Ampio Venezuela (FAVL) e uomo di riconosciuta traiettoria, ha affermato che i governi esteri vogliono soltanto porre una fine democratica alla crisi che vive il Venezuela, e perciò non auspicano un intervento militare. Anzi, difendono i principi democratici.

Aveledo, intervistato da Cesar Miguel Rondón, in UniónRadio, ha ribadito:

“Fuori dal paese quello che si vuole è una uscita politica a questa gravissima situazione. I governi esteri non vogliono un intervento militare nel paese.”

Il dirigente ha affermato che il governo è ancora in tempo per correggere il cammino che si è tracciato.

“Loro sono in tempo per correggere le cose e per convocare un processo elettorale veritiero” ha affermato Aveledo.

Condividi: