Arreaza: “Usa aumenterà le sanzioni per impedire le elezioni”

Il cancelliere Jorge Arreaza sostiene la tesi che gli Stati Uniti intensificheranno le misure punitive contro il paese come un modo per boicottare le elezioni del 20-M

CARACAS – Gli Stati Uniti sarebbero disposti ad applicare nuove sanzioni purché i comizi non si facciano. Questa è la tesi del governo condivisa e annunciata da Jorge Arreaza.

Il ministro crede che il paese sarà colpito da nuove sanzioni nelle settimane prima delle presidenziali e le regionali.

“Verranno nuovi attacchi contro il Venezuela e si attiverà la diplomazia guerrafondaia statunitense. Stanno annunciando nuovi embarghi al nostro petrolio ma non c’è sanzione, non c’è aggressione, non c’è embargo che fermi il Venezuela” ha assicurato Arreaza in un’intervista a Hinpantv.

Appoggio della Spagna agli USA

Il cancelliere ha pure espresso la sua opinione sull’appoggio dimostrato dalla Spagna verso gli USA riguardo l’applicazione delle misure punitive ma ha affermato che questo non fermerà il processo democratico.

“Venezuela è un paese libero e indipendente. Rajoy non ha nulla da dire riguardo il Venezuela, non ci importa l’opinione del cancelliere spagnolo sulle nostre elezioni” ha twittato.

Intanto Julio Borges, Antonio Ledezma e Carlos Vecchio vanno in giro per il mondo in cerca di appoggio ma Arreaza non ha dato alcuna importanza al fatto.

Condividi: