Pensione: è ora di compilare il modulo dell’esistenza di vita

pensione

CARACAS – E’ iniziata la seconda fase della campagna per l’accertamento dell’esistenza in vita per il pagamento delle pensioni per il 2017 e 2018 ai pensionati residenti in Nord, Centro e Sud America e a quelli che pur cambiando l’indirizzo risiedono attualmente nei paesi inclusi nella campagna 2017 .

Ai pensionati residenti nelle aree geografiche menzionate sono stati inviati i formati per certificare l’esistenza in vita dal Citibank l’ente bancario che paga le pensioni Inps all’estero dal 2012.

Con il messaggio 1527 del 6 aprile, l’Inps consiglia inviare i moduli con l’attestazione dell’esistenza in vita, compilati dai pensionati e controfirmati da un testimone accettabile insieme alla documentazione di supporto, alla casella postale “PO Box 4873 Worthing BN99 3BG, United Kingdom” prima del 3 luglio.

Il Citibank potrá anche ricevere le certificazioni di vita emesse da Enti pubblici locali sempre e quando tengano un attestato valido di esistenza di vita ai sensi della legge del Paese di residenza del pensionato.

Bisogna ricordare che il pagamento della rata di agosto 2018, per i pensionati che non possono attestare l’esistenza nel predetto termine, sará ricevuto in contanti nelle agenzie Western Union del Paese di residenza, e se non si dovessero riscuotere personalmente entro il 19 agosto, il pagamento verrá sospeso a partire del mese seguente

I Patronati abilitati da Citibank al “Portale Agenti” possono giá emettere autonomamente il modulo standard e alternativo per la prova di esistenza in vita e caricarlo sul sistema informatico di Citibank debitamente completati e sottoscritti dagli interessati, mentre vengono recapitate le comunicazioni personalizzate ai pensionati conivolti nella seconda fase di verifica.

Saranno anche una valida prova di esistenza di vita le attestazioni inviate dai funzionari delle Rappresentanze diplomatiche italiane indicati dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, autorizzati ad attestare l’esistenza in vita dei pensionati.

Per facilitare l’operazione sarebbe bene rivolgersi prima possibile al proprio patronato.

Angelo Di Lorenzo Twitter / Facebook

 

Condividi: