Nella Silicon Valley, il Grande Acceleratore ospita quattro imprese dell’Emilia Romagna

Segnale stradale di color verde con l'indicazione di Silicon Valley
Silicon Valley: Mille dollari a mese per rimediare a lavori persi per tecnologia

NEW YORK. – Quattro imprese della regione Emilia Romagna, faranno parte del più importante acceleratore d’impresa nella Silicon Valley nel sud della California, grazie al programma regionale “International Accelerator” che si svolgerà dal 3 aprile al 29 giugno.

Due sono bolognesi: la Pollution che si occupa di strumentazioni e sistemi per l’analisi chimica “on-site” di composti volatili, la Nexiti4us che produce e commercializza macchine semiautomatiche per la ristorazione e che ha partecipato al programma di incubazione delle Serre di Aster.

Poi ci sono la XEO4 di Piacenza che produce sistemi di telecontrollo e monitoraggio impianti e per finire la Competitoor di Modena che si incarica di commercio interaziendale che aiuta gli e-commerce nel controllo dei prezzi dei concorrenti e i marchi e monitorare la propria rete di vendita mondiale.

L’assesore regionale Palma Costi risalta l’importanza di questa opportunità affermando che l’Emilia Romagna è un centro nevralgico in cui si concentrano risorse per investimenti, ricerca, partners e contatti commerciali globali. Dopo i primi contatti nel 2017, le attivitá nella Silicon Valley hanno coinvolto dalle piccole alle medie imprese e i responsabili degli incubatori e acceleratori. Ció permettere di farne una regione sempre più aperta agli investimenti esteri e alle collaborazioni commerciali.