Nicaragua: altro manifestante ucciso alla vigilia del dialogo

Una manifestante con un cartello con la scritta "Fuera Ortega"
Una manifestante con un cartello contro Ortega.

MANAGUA. – Una persona è morta e almeno altre 40 sono rimaste ferite in violenti scontri fra manifestanti antigovernativi, unità antisommossa della polizia e gruppi sandinisti a Matagalpa, 120 km a nord Managua, alla vigilia dell’apertura del “dialogo nazionale” proposto dal presidente Daniel Ortega e gestito dalla Conferenza episcopale nicaraguense.

Wilder Reyes Hernandez, un impiegato del comune di Matagalpa, è stato raggiunto all’addome da uno sparo di arma da fuoco durante gli scontri, che si sono susseguiti durante l’intera giornata di martedì. La polizia ha emesso un comunicato riferendo solo di quattro agenti feriti da “un gruppo di civili che hanno attaccato un commissariato con bombe incendiarie ed armi da fuoco”.

D’altra parte, la moglie di Ortega, Rosario Murillo, che è anche vicepresidente, ha annunciato che suo marito sarà presente oggi per l’inaugurazione del “dialogo nazionale”, alle 10 del mattino (le 18 in Italia) nella sede del seminario nazionale di Managua.