Giro: da Ferrara a Nervesa, chance per i velocisti

FERRARA. – Il 101/o Giro d’Italia di ciclismo domani proporrà una tappa (la 13/a) quasi totalmente piatta, con relativo arrivo che ingolosisce gli sprinter. Una fotocopia di quella odierna, ma che partirà da Ferrara per concludersi a Nervesa della battaglia (Treviso), su un percorso lungo 180 chilometri: la carovana partirà dall’Emilia e si sposterà in Veneto, toccando le province di Rovigo, Padova, Venezia e Treviso.

La pianura Padana orientale verrà interessata dalla corsa da sud a nord, con numerosi percorsi cittadini fatti di rotatorie, spartitraffico, dossi. A 30 chilometri dall’arrivo il primo passaggio sul traguardo per affrontare poi il Montello, ma da un versante meno impegnativo, con l’ultimo scollinamento a 20 chilometri dall’arrivo. Gli ultimi chilometri saranno tutti pianeggianti e con pochissime curve, l’ultima degna di nota è a 5 chilometri dall’arrivo.

I traguardi volanti di giornata sono posti dopo 70 chilometri, a Piove di Sacco (Padova), e dopo 127,1 chilometri, a Villorba (Treviso). L’unico Gran premio della montagna (4/a Categoria) è situato a 242 metri d’altezza, dopo 160,7 chilometri, sul Montello, la località che nel 1985 ospitò i Mondiali di ciclismo. Fra i professionisti vinse l’olandese Joop Zoetemelk, che beffò nell’ordine Greg Lemond e Moreno Argentin. Nella prova femminile trionfò, invece, la francese Jeannie Longo, davanti a Maria Canins.

Il ritrovo di partenza è fissato in piazza del Castello, a Ferrara, il via verrà dato da via Padova, alle 13. L’arrivo è previsto fra le 17 e le 17,30 in via Roma, a Nervesa della battaglia. I corridori passeranno anche da Rovigo e Treviso. Il Giro d’Italia ha fatto tappa a Ferrara nel 1919 (vittoria dello svizzero Oscar Egg), nel 1932 (Fabio Battesini), nel 1933 (Alfredo Binda), nel 1934 (Learco Guerra), nel 1936 (Raffaele Di Paco), nel 1940 e nel 1950 (Adolfo Leoni), nel 1957 (lo spagnolo Miguel Poblet), nel 1981 (Paolo Rosola). Nervesa della battaglia, invece, è all’esordio come sede di una tappa della corsa rosa.

Condividi: