Altri arresti a Madrid per il caso di corruzione in “Pdvsa”

Agenti della polizia spagnola
José Roberto Rincón Bravo, figlio di Enrique Rincón Fernández, milionario venezuelano residente negli Stati Uniti, è stato arrestato a Madrid, durante una operazione di polizia. L’accusa è di riciclaggio di denaro proveniente da operazioni illegali che coinvolgono la statale “Petróleos de Venezuela”.

MADRID – José Roberto Rincón Bravo, figlio di Enrique Rincón Fernández, milionario venezuelano residente negli Stati Uniti, è stato arrestato a Madrid, durante una operazione di polizia. L’accusa è di riciclaggio di denaro proveniente da operazioni illegali che coinvolgono la statale “Petróleos de Venezuela”. L’arresto è stato realizzato dagli agenti della “Unidad de Delincuencia Economica e Financiera”, la sezione specializzata in riciclaggio di denaro e altri delitti  nell’ambito finanziario. Durante l’operazione di polizia sarebbe stata perquisita una proprietà di circa 500 ettari registrata a nome del banchiere portoghese, Joao Espiritu Santo. 

L’operazione di polizia rientrerebbe nell’ambito delle indagini iniziate a metà del 2017 e che coinvolgono l’ex presidente della holding petrolifera venezuelana, Rafael Ramírez e il milionario Enrique Rincón Fernández. Quest’ultimo, come si ricorderà, avrebbe ammesso negli Stati Uniti di aver corrotto funzionari di Pdvsa per ottenere favori, contratti o concessioni importanti. Le  aziende di sua proprietà sarebbero state favorite al momento della concessione di appalti milionari. 

La polizia spagnola sarebbe interessata in transazioni e trasferenze realizzate da paesi terzi a conti aperti in Spagna. E il denaro sarebbe il frutto di operazioni illegali. 

Il figlio di Enrique Rincón Fernández sarebbe l’amministratore delegato di importanti ditte attraverso le quali avrebbe avuto luogo il riciclaggio. Fondata nel 2012, “Tradequip España”, con appena due impiegati, è proprietaria di “Tradequip Venezuela”. L’azionista principale di “Tradequip España” sarebbe la spagnola “Beltway Industries”, azienda il cui domicilio sarebbe stato registrato a Houston (Texas). Nell’amministrazione di quest’ultima azienda interverrebbero il magnate Rincón e i figli José Roberto, arrestato nell’operazione di polizia realizzata a Madrid, e Ricardo.

Global Maghas, altra azienda di cui José Roberto Rincón sarebbe amministratore, sarebbe stata creata nel 2013. Questa è una azienda specializzata, almeno ufficialmente, nella produzione agricola e l’allevamento industriale. Producciones Cinematográficas, sarebbe stata creata nel 2014 e Cibaria Gourmet, che si dedica all’organizzazione di convegni e fiere, nel 2015. 

Redazione Madrid