Calcio: l’Italia ha il suo Mondiale, azzurre promosse

L'Italia femminile di calcio ha battuto 3-0 il Portogallo e le azzurre festeggiano a centrocampo.
L'Italia femminile di calcio ha battuto 3-0 il Portogallo e si è qualificata con un turno di anticipo al Mondiale che si terrà in Francia nell'estate dell'anno prossimo. ANSA/CLAUDIO GIOVANNINI

FIRENZE. – L’Italia delle donne vola al Mondiale. Le azzurre centrano l’obiettivo fallito dalla Nazionale maschile a novembre: dovevano battere il Portogallo per centrare un’impresa che al nostro calcio femminile mancava da 20 anni e ci sono riuscite con una prova che ha messo in mostra cuore, grinta, gioco, spirito di gruppo. Tutte doti che contraddistinguono la Nazionale di Milena Bertolini e premiano il suo lavoro cominciato a settembre e il talento di Sara Gama e compagne.

Sette vittorie in altrettante gare: quella decisiva, che porta dritto a Francia 2019, è stata vinta per 3-0 grazie alle reti di Cristiana Girelli di testa dopo appena 4′ e di Cecilia Salvai al 12′, sempre da calcio d’angolo, e al 91′ della Bonansea. I quasi 7.000 del Franchi hanno spinto le azzurre verso il grande traguardo, centrato con un turno d’anticipo.

Non c’è stata praticamente storia: da subito l’Italia ha dominato le avversarie con la feroce determinazione di chi vuol coronare un sogno e niente e nessuno dovevano impedirglielo. L’infortunio di Rosucci alla caviglia è stato l’unico neo, ma l’ingresso della Parisi al 35′ dopo un lungo stop per problemi fisici non ha cambiato l’atteggiamento della squadra azzurra che anche nella ripresa ha ben controllato la gara sfiorando il tris più volte come dimostrano le due traverse colpite dalla Bonansea e dalla Girelli e le tante occasioni create.

“Le ragazze sono state fantastiche, volevano a tutti i costi questo Mondiale, sono davvero felice per loro e per tutto il movimento e chi vi ha lavorato sempre con grande passione” ha detto emozionata la ct, bagnata dallo spumante.

“Una soddisfazione enorme, un premio per queste splendide ragazze e tutto il movimento, iniziamo a scrivere il nostro domani grazie a questo risultato storico” ha commentato raggiante il commissario straordinario della Figc Roberto Fabbricini. Poi spazio alla festa, con le bandiere tricolori sugli spalti, gli abbracci commossi in campo e il coro ‘Andiamo al Mondiale’.