Motori: l’italo-venezuelano Maldonado Motta pronto per la 24 ore di Le Mans

Pastor Maldonado con il suo bolide a Le Mans
Pastor Maldonado a Le Mans

CARACAS – Le 24 ore di Le Mans hanno un fascino intramontabile! Lo spettacolo dei fari che danzano nella notte capace di attirare anno dopo anno tantissimi spettatori, stando alle cifre diramate da alcuni media si parla di circa 300 mila. Sulla griglia di partenza del circuito francese trentatasei macchine con tre piloti ciascuna che guidano a turni di 3-4 ore, si parte sabato alle 15 si chiude la domenica dopo più di 5.000 km percorsi a velocità pazzesche.

Tra i protagonisti di questa storica gara ci sarà l’italo-venezuelano Pastor Maldonado Motta. Il pilota nato 33 anni fa a Maracay é giá in Francia per ultimare insieme al suo team, il Dragon Speed, gli ultimi dettagli per la gara che si svolgerà sul Circuito La Sarthe.

“Guidare a Le Mans é un’esperienza unica. Qui non solo respiri storia, ma percorri anche chilometri di esperienza. É come prendere tre circuiti di Formula Uno ed unirli per correre una gara di 24 ore. Una cosa é farlo sul simulatore, cosa che ti aiuta tantissimo, ma un’altra cosa é farlo sull’asfalto” ha dichiarato il vincitore del GP della Catalogna di Formula Uno nel 2012 con la scuderia Williams.

Questa gara è nata nel 1922 per motivi estremamente validi come la ricerca di tecniche più evolute nella costruzione di macchine e la sperimentazione di pavimentazioni stradali rispondenti alle nuove esigenze del veicolo e motore. La Le Mans ha perso via via la patina di tecnicismo per scendere a livelli più commerciali, quando ci si é accorti che la 24 ore richiamava la migliore meccanica da competizione ed un pubblico sempre più numeroso.

Il venezuelano avrà come compagni di scuderia il messicano Roberto González ed il francese Nathanaël Berthon. Durante i primi test ufficiali della Dragon Speed svoltisi sulla pista del Paul Ricard e Spa-Franchorchamps hanno segnato il miglior tempo.

“Dobbiamo usare quanto fatto nelle prove come strategia per la gara. La velocità c’è, però dobbiamo saperla gestire durante le 24 ore che dura la gara. Sono quasi 14 chilometri di tracciato, ogni giro supera i tre minuti. La pista di Le Mans é molto veloce, ma anche molto tecnica. Qui puoi trovare ogni tipo di curve e rettilinei molto lunghi, dove puoi raggiungere una velocità di più di 300 chilometri orari. Per questo motivo é vietato sbagliare. Noi puntiamo alla vittoria” ha dichiarato Maldonado Motta in un comunicato stampa.

(di Fioravante De Simone)