Mondiali Russia 2018: Griezmann dribbla il futuro, “ma voglio la Coppa”

Griezmann festeggia dopo il gol alla Bielorussia.
Griezmann festeggia dopo il gol alla Bielorussia.

ROMA. – “La decisione l’ho presa, ma non è il giorno giusto”. Abituato alle serpentine in campo, Antoine Griezmann ha dribblato anche i giornalisti che aspettavano di conoscere il suo futuro, diviso tra Atletico e Barcellona. Nessuna parola ma un’indicazione il n.7 colchoneros e della nazionale francese l’ha comunque data, postando, prima di presentarsi in conferenza stampa, un video in cui viene ritratto ancora con la maglietta biancorossa dell’Atletico.

Dal ritiro della nazionale francese (i Bleus esordiranno sabato contro l’Australia), l’attaccante francese che nei giorni scorsi aveva detto che avrebbe reso nota la sua decisione prima dell’esordio, ha tagliato corto sul futuro: “So che c’è molta attesa, ma oggi non è il giorno giusto”, ha risposto alle pressanti domande dei giornalisti tanto che l’addetto stampa della Federazione francese è stato costretto a intervenire: oggi si parla solo della Francia.

Questo dopo che in mattinata erano circolate indiscrezioni, rilanciate da Canal+, secondo cui Griezmann avrebbe deciso di rinnovare con l’Atletico Madrid fino al 2023 e dopo mesi di voci di mercato che lo davano ormai sulla strada di Barcellona, pronto a pagare la clausola da 100 milioni attivabile dall’1 luglio.

Viceversa, l’attaccante avrebbe adesso deciso di sposare la causa colchoneros, anche se per l’ufficialità bisognerà aspettare ancora uno-due giorni. Via libera quindi all’argomento Mondiali: “Voglio vincere la Coppa del Mondo e non importa con quale stile di gioco, il mio obiettivo è vincere questo trofeo”, ha spiegato il francese che si è detto “concentrato solo sul Mondiale”.

Griezmann ha parlato del ct Deschamps (“Mi chiede se sto bene in squadra e io ho fiducia il lui”), del suo sogno iridato che risale a quando lui era ragazzo (“la vittoria della Francia nel 1998 mi ha spinto ancora di più a giocare a calcio e a sognare di vincere un Mondiale”) e difende il compagno di squadra Paul Pogba: “Tutti lo criticano, ma poi vediamo i suoi gesti tecnici, i suoi gol da fuori area e quello che noi vogliamo da lui è che recuperi le palle e ci faccia giocare”.

Il mercato insomma può aspettare, “io sono concentrato solo sulla Coppa – ripete – che è la cosa più importante per me. Cercheremo di fare del nostro meglio in questa Coppa del Mondo per cercare di arrivare il più lontano possibile”.