Da Rafaela all’Italia: da rigenerare valvole a fornitori della Ferrari

Dirigenti e fornitori dell'azienda Basso tutti intorno ad una Ferrari 250 GTE
Dirigenti e fornitori dell'azienda Basso con una Ferrari 250 GTE

MAR DEL PLATA. L’impresa Basso è stata fondata nel 1963 da immigrati italiani; oggi impiega più di 500 persone ed esporta l’80% della sua produzione.

Il primo contatto con la Ferrari è stato nel 2001. Non dai fratelli José Luis e Juan Carlos Basso, titolari della società e ingegneri, ma da Martin, figlio di José Luis e pilota di auto GT (Gran Turismo). Quello stesso anno, Martin viaggiò in Italia per partecipare a una serie di test.

Il viaggio lo portò a Maranello, dove si trova la fabbrica Ferrari. E lì, nel paesino del Nord Italia, cominciò la relazione commerciale tra la società del Cavallino Rampante e Basso SA, fabbrica di valvole che è leader mondiale nel suo settore.

Tre anni più tardi, dopo centinaia di prove e collaudi, la Ferrari ha firmato un contratto in esclusiva con Basso. Oggi, l’azienda fornisce il 100% delle valvole che utilizzano i loro veicoli in strada.

L’azienda è stata fondata nel 1963 da tre immigrati piemontesi, di nome: Basso, Beninca e Bottero, che si stabilirono a Rafaela, Provincia di Santa Fe. “All’inizio volevamo solamente fare la rettificazione delle valvole dei motori, ma poi la gente non voleva montare le valvole rettificate e così abbiamo cominciato a fabbricarle completamente nuove.” Ha raccontato Juan Carlos Basso della seconda generazione della famiglia che si incarica dell’azienda.

Negli anni ’70, ha aperto un proprio impianto di produzione, sui terreni che occupa attualmente.

Negli anni ’80 ha comprato la divisione delle valvole della società Ramco Thompson Argentina, incrementando la sua produzione, stabilendosi nel mercato dell’originale e allo stesso tempo cominció l’esportazione.

Negli anni ’90, dovuto alla crisi del mercato interno, l’azienda si concentrò sull’esportazione.

Nel 2002, Basso acquistó la fabbrica di valvole Manley negli Stati Uniti. La crisi del 2001 non ha avuto un grosso impatto sull’azienda anche perché si muoveva sui mercati esteri.

Attualmente,  Basso ha una fabbrica di più di 20 mila metri quadrati a Rafaela, che dà lavoro a 500 persone e altri due stabilimenti che producono valvole della concorrenza.

Basso esporta circa l’82 per cento della sua produzione, soprattutto negli Stati Uniti d’America. Produce 18 milioni di unità all’anno e ha 2.500 modelli diversi di valvole. L’ultimo traguardo per l’azienda: è diventata anche un fornitore di Harley Davidson. Nel concorso internazionale Engine of the Year (Motore dell’ Anno) è stato premiato come il miglior motore, per il secondo anno consecutivo, il Ferrari 3.9 V8, con valvole Basso.

“Non sorprende troppo che la casa con sede a Maranello, famosa per il suo sviluppo tecnologico, abbia raggiunto questo nuovo traguardo. Però sì che un’azienda di Rafaela abbia fornito i 32 pezzi, 16 di immisione e 16 di scarico di cui è dotato il motore Ferrari di 3902 cminiezione diretta biturbo e una potenza 670 CV a 8000 giri/minuto”. Hanno precisato dalla Basso.

Oltre al motore che monta la Ferrari GTB 488 e Spider, sono stati premiati anche altri motori con componenti della Basso: “Nella categoria di 2,5 a 3 litri, il terzo posto è andato al motore Fiat Chrysler di 2.9 litri biturbo che è montato sull’Alfa Romeo Giulia Quadriofoglio”.

Per fabbricare una valvola, prima bisogna fondere  l’acciaio a 1050° C e poi si applicano più di 50 diversi processi di produzione, affinchè sia perfetta. Una valvola difettosa danneggia il funzionamento e la manutenzione del motore. È un pezzo fondamentale.

“Mi sento enormemente orgoglioso di lavorare con un leader globale come la Ferrari,” ha detto José Luis Basso durante una presentazione di fornitori dell’azienda, a Santa Fe.

D’altra parte una delle sfide della Basso, è di essere in grado di unire la sua crescita con lo sviluppo della società e sviluppare l’indotto con i fornitori locali che fanno parte della loro catena di lavoro e di valori.

(di Angelo Di Lorenzo)

Twitter / Facebook