Crolla ponte a Genova: almeno 26 morti, anche un bambino

Le unità dei vigili del fuoco al lavoro per cercare sopravvissuti .
Le unità dei vigili del fuoco al lavoro per cercare sopravvissuti . ANSA/LUCA ZENNARO

GENOVA. – Ore 11.50: con un ruggito il viadotto ‘Morandi’ sull’A10 tra i caselli di Genova Ovest, 51 anni mal portati, si sbriciola mentre imperversa la bufera d’acqua e fulmini. Crollando, il ponte trascina con sé in un volo di 100 metri auto e camion, schiantandosi in un mucchio di macerie e lamiere nel secco greto del torrente Polcevera. Una parte del ponte piomba sulla sottostante via Fillak, travolgendo una struttura dell’Amiu, l’ azienda ambientale del Comune di Genova.

E’ una tragedia immane. I primi a arrivare sono i poliziotti del Reparto mobile di Bolzaneto, che estraggono vivo da un’auto il portiere del Legino Davide Capello. Sono loro che daranno l’allarme. Sul posto i vigili del fuoco, Carabinieri e polizia mentre sui social diventa virale un video in cui si vede il pilastro del ponte che viene giù.

I tre più importanti ospedali cittadini aprono le unità di crisi mentre comincia la conta delle vittime: in serata i morti accertati sono 26, 19 identificati, ma si pensa che le vittime potrebbero arrivare fino a 50. Tra queste un bimbo di 10 anni. Sono 15 i feriti, di cui 9 in codice rosso.

E’ il momento del dolore per quella che il presidente della Repubblica Mattarella è “una disgrazia spaventosa e assurda”. Il governatore Toti, il sindaco di Genova Bucci e anche il ministro alle infrastrutture Toninelli la chiamano “una tragedia immane” per la quale la solidarietà, così come le polemiche, arrivano trasversali.

Il ministro dell’Interno Salvini ricorda di aver percorso quel ponte “migliaia di volte però adesso da cittadino italiano farò di tutto per avere nomi e cognomi dei responsabili passati e presenti perché è inaccettabile che in Italia si muoia così”. E comunque, aggiunge “nel 2018 non è possibile morire così. Se ci sono vincoli europei che ci impediscono di spendere soldi per mettere in sicurezza le scuole dove vanno i nostri figli o le autostrade su cui viaggiano i nostri lavoratori, metteremo davanti a tutto e a tutti la sicurezza degli italiani”.

E Mattarella sollecita “un esame severo sulle cause: nessuna autorità potrà sottrarsi a un esercizio di piena responsabilità, lo esigono le famiglie delle tante vittime”. Il sottosegretario alle infrastrutture Edoardo Rixi riflette: “Un ponte non viene giù per un fulmine né per un temporale: vanno trovati i colpevoli”. E lo dice perché alcuni testimoni sostengono che al momento del crollo un fulmine avrebbe colpito il piantone del ponte.

Ma, almeno secondo le prime stime, il crollo sarebbe attribuibile a un cedimento strutturale. Crollo, dice il direttore del Tronco di Genova di Autostrade per l’Italia Stefano Marigliani, che è “per noi qualcosa di inaspettato e imprevisto rispetto all’attività di monitoraggio che veniva fatta sul ponte. Nulla lasciava presagire. Assolutamente non c’era nessun elemento per considerare il ponte pericoloso”.

Tra l’altro, dice ancora Autostrade, “sulla struttura risalente agli anni ’60 erano in corso lavori di consolidamento della soletta del viadotto” e “come da progetto, era stato installato un carro-ponte per consentire lo svolgimento delle attività di manutenzione. I lavori e lo stato del viadotto erano sottoposti a costante attività di osservazione e vigilanza da parte della Direzione di Tronco di Genova”.

Poco dopo però arrivano le parole del ministro Toninelli che parla proprio di responsabilità della manutenzione: “dalle verifiche fatte attraverso i tecnici del ministero, la manutenzione compete ad Autostrade, la manutenzione a qualsiasi livello compete ad Autostrade, compete ai tecnici del ministero seguire gli interventi straordinari”.

La solidarietà è globale: attivato il protocollo sisma, arrivano vigili del fuoco dalle regioni limitrofe, i nuclei di Protezione civile di molte regioni sono pronte a partire. E’ un disastro che colpisce al cuore tutta l’Italia. Mentre al policlinico San Martino si compongono i morti – alle 20 sono 29 identificati – e gli psicologi raccolgono le lacrime dei parenti, il premier Conte arriva in prefettura dopo un breve sopralluogo sul Polcevera.

“Davanti a una tragedia come quella di Genova tutti si devono interrogare – ha detto durante il sopralluogo -. Tutte le autorità competenti e tutte le persone che hanno responsabilità”. Il premier ha sottolineato che il bilancio delle vittime “è purtroppo destinato a lievitare”. Ora, ha aggiunto, “dovremo accertare le cause e occorrerà del tempo. Ma una tragedia del genere è inconcepibile”. Conte ha poi annunciato: “un piano straordinario di monitoraggio di tutte le infrastrutture soprattutto di quelle più vecchie”.

Domani sono attesi il ministro del Lavoro Di Maio e il ministro dell’Interno Salvini mentre i caschi rossi dei vigili del fuoco brillano sotto la luce delle fotoelettriche. Si continua a scavare mentre nella speciale camera ardente realizzata al Policlinico San Martino comincia la triste processione dei familiari che devono identificare le vittime.

(di Chiara Carenini/ANSA)