Roma: Di Francesco predica calma, Florenzi out

L'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco scarica la sua rabbia a bordo campo
L'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco.

ROMA. – “Bisogna stare più calmi”. Con le reazioni in panchina, ma anche nel giudicare una squadra che ancora deve rodarsi dopo l’ennesima rivoluzione figlia del mercato. Eusebio Di Francesco predica calma all’indomani del rocambolesco 3-3 con l’Atalanta che è costato alla Roma il primo stop casalingo della stagione, e all’abruzzese un’operazione per ricomporre la frattura del quinto metacarpo della mano sinistra conseguenza del pugno dato alla panchina nel corso della ripresa.

A provocare la rabbia del tecnico è stato l’atteggiamento della squadra nel primo tempo e nella fase finale della gara, ma nell’immediato post-partita Di Francesco ha invitato tutti a non lasciarsi andare a critiche affrettate. “Se dovessi andare dietro a quello che sento dagli altri, domani cambierei 25 giocatori su 26. Invece sono una persona equilibrata e faccio valutazioni generali, per dare la possibilità a tutti di una crescita costante, anche attraverso queste prestazioni – le sue parole -. Sono partiti giocatori di peso, ma sono arrivati altri ragazzi di qualità. Alla fine ci toglieremo soddisfazioni, lo assicuro”.

Insomma, inutile fasciarsi la testa. Meglio invece pensare a come migliorare in vista dell’impegno di venerdì sera in casa del Milan dove non ci sarà Florenzi. Il terzino è stato costretto a chiedere il cambio con l’Atalanta per un problema al ginocchio sinistro (quello già operato due volte per la rottura del crociato), ma dopo l’iniziale spavento ha tirato un sospiro di sollievo in seguito agli accertamenti effettuati. Gli esami hanno infatti escluso lesioni, confermando un trauma distrattivo che dovrebbe tenerlo fuori per un paio di settimane. Rientro previsto quindi dopo la sosta del campionato per gli impegni delle nazionali.

Il posto sulla fascia destra a San Siro se lo giocheranno Karsdorp e Santon, mentre in mezzo alla difesa potrebbe debuttare Marcano al posto di Fazio. Più complicata la situazione in mezzo al campo dopo le deludenti prestazioni offerte con l’Atalanta da Cristante e Lorenzo Pellegrini. Difficilmente Di Francesco li inserirà di nuovo entrambi dal primo minuto, soprattutto dopo aver visto il contributo alla causa offerto da Nzonzi.

In attacco invece resta ancora in dubbio Perotti, sempre alle prese a Trigoria col lavoro differenziato. Ufficiale infine la cessione al Marsiglia per 25 milioni più tre di bonus di Strootman, che ha salutato l’ambiente giallorosso via social: “Quando sono venuto a Roma mi sono innamorato subito della città, non è affatto facile per me lasciarla dopo 5 stagioni. Adoro ogni cosa e mi mancherà davvero la gente e l’atmosfera. Grazie a tutti, siete stati come una famiglia per me. Vi auguro tutto il meglio per la prossima stagione!”.