Moto, Rossi gela Márquez: “Non serve stringerci la mano”

Rossi fuori pista, speronato da Márquez
Rossi fuori pista, speronato da Márquez. (Archivio)

ROMA. – Fare la pace non serve, perchè non c’è nessuna guerra. La storia infinita tra Valentino Rossi e Marc Marquez continua tra sfide, liti, colpi bassi e parole al veleno. A scrivere l’ultimo capitolo di un libro ancora molto lontano dalla pubblicazione è, alla vigilia del Gran Premio di San Marino, lo stesso Dottore che non ha nessuna intenzione di ricucire le ferite rimaste aperte con lo spagnolo campione del mondo dopo i fattacci in pista nell’ultimo Gran Premio d’Argentina.

Tant’è che nel corso della conferenza stampa ufficiale a Milano, con i due fianco a fianco, il pesarese della Yamaha rifiuta di stringere la mano tesa del rivale della Honda. ”Ho sentito la sua intervista – ha ruggito Rossi – mi è sembrato un po’ strano, per me non c’è nessun problema”.

Per Valentino Rossi non c’è bisogno di fare la pace perché sostanzialmente non c’è nessuna conflitto in corso con Márquez. Anche se, in realtà la manovra folle del pilota spagnolo che mandò fuori pista la leggenda della MotoGp ad aprile ancora brucia. ”Per me – aggiunge Valentino – le cose vanno bene, non c’è bisogno di una stretta di mano”.

Poi in una successiva intervista il Dottore non cambia idea: ”Secondo me l’importante, l’unica cosa che conta, è il rapporto professionale, perché dobbiamo stare in pista insieme, dobbiamo correre insieme e quindi dobbiamo avere una certa tranquillità per fare le cose sereni. Su questo, non ho alcun problema con lui. Poi c’è il rapporto personale, ma quello non deve contare per nessun altro, solo per noi. Va bene così”.

Una sfida quella in pista tra Márquez e Rossi che richiamerà a Misano nel week-end tantissimi tifosi e che vede lo spagnolo favorito come ammette lo stesso driver della Yamaha: ”È un po’ la storia di tutta la stagione in realtà. Márquez e le due Ducati vanno più forti di noi: alcune volte siamo riusciti a infilarci nella sfida, alcune volte loro sono usciti di gara, ma in generale andiamo più piano. Questo weekend probabilmente sarà simile, ma non bisogna mollare perché siamo a Misano, con un’atmosfera fantastica e tantissimi tifosi”.

Márquez comanda la classifica piloti della MotoGp con 59 punti di vantaggio su Rossi: “Sono felice di correre qui, la corsa più speciale col Mugello. L’anno scorso l’infortunio mi tenne sul divano, quindi sono felice di tornare in pista. La Yamaha? Ad Aragon il test è stato importante, ma dobbiamo vedere contro gli avversari come va la moto per capire il nostro livello”.