Azzurri, ripartire da Chiesa

Nazionale d'altri tempi: Zibì Boniek con Emilio Buttaro
Zibì Boniek con Emilio Buttaro

Non una grande Italia quella vista al debutto in Nations League, se non altro capace di rialzarsi. Deludono gli azzurri per circa un’ora contro una Polonia sicuramente più solida e determinata. Mancini azzecca i cambi, Chiesa su tutti. Il gioiello della Fiorentina forse con un pizzico di fortuna, riesce a dare la scossa, si procura il rigore trasformato da Jorginho, risultando alla fine il migliore degli azzurri. Sembra davvero un predestinato il figlio d’arte e forse il nuovo corso della Nazionale dovrà ripartire proprio da lui. Bocciatura per Mario Balotelli ma anche per la coppia di metà campo Pellegrini-Gagliardini. Nella prima partita ufficiale senza campioni del mondo del 2006 regge bene l’usato sicuro con Bonucci e Chiellini davanti a un Donnarumma decisivo in almeno due occasioni.

Un pari insomma che pesa parecchio per gli azzurri tenuto conto della piega che tava prendendo la gara. Sul piano dello spettacolo, facendo un salto indietro nel tempo, siamo lontanissimi dalle giocate di Roberto Mancini nelle sue fgaci apparizioni in azzurro o da quello che regalava in campo Zibì Boniek, oggi Presidente della Federcalcio polacca.

Per il ct dell’Italia, al suo vero debutto in azzurro proprio nella città in cui ha esordito da calciatore, la strada è ancora lunga ma la reazione della ripresa è incoraggiante. Consoliamoci così! I tempi di Mancini e Boniek? Un’altra cosa!

Emilio Buttaro