Tifosi italo-venezuelani infuriati: “A.A.A. cercasi nazionale azzurra”

Mancini, strapazzato dai tifosi italo-venezuelani, seduto sulla panchina azzurra
Mancini sul banco degli imputati dopo le discrete prestazioni della nazionale azzurra. foto ansa

CARACAS – Il cammino della nazionale italiana nella Nations League si mette subito in salita. Dopo il mezzo passo falso con la Polonia, l’Italia di Roberto Mancini perde 1-0 con un Portogallo orfano di Cristiano Ronaldo. Decide la rete dell’ex milanista André Silva. Per gli azzurri un solo punto in due partite disputate. Questa situazione ha già mandato su tutte le furie i tifosi italo-venezuelani.

Iniziando con Michele De Cicco che ci dice: “Questa Italia mi fa venire l’ansia. Ogni volta che scende in campo sento che la tachicardia. Prima dell’arrivo di Ventura e Mancini, gli azzurri mi facevano soffrire, ma alla fine sapevi che riuscivano a portare a casa un risultato utile. Adesso non é cosí. Se continuiamo di questo passo le manifestazioni importanti le vedremo in televisione e non da protagonisti”.

Carmine De Simone fa un’analisi più tecnica: “Credo che la sfida contro il Portogallo non era una gara per provare tanti giovani! Non so a cosa pensasse Mancini. Lasciare in panchina due perni della difesa come Bonucci e Chiellini é costato caro! Almeno uno doveva essere tra gli undici di partenza. La difesa é stata un disastro. Credo che l’unico bravo in quel reparto é stato Donnaruma. Il portiere del Milan non può nulla sul gol di André Silva, compie un paio di interventi importanti e si fa sempre trovare pronto ma è una goccia nell’oceano. Unico a salvarsi. A centrocampo poche idee. Una domanda che vorrei fare a Mancio: Belotti, Insigne e Bernardeschi in panchina. Ma diamo i numeri?”.

 

Per chi non conoscesse bene il format della Nations League cercheremo di spiegarvi come funciona. Il nuovo torneo dell’Uefa prevede un sistema di promozioni e retrocessioni. Le 55 squadre europee sono suddivise in quattro leghe in base al ranking UEFA per nazionali all’11 ottobre 2017.

La Lega A è composta dalle squadre con il miglior ranking, la Lega D da quelle con il ranking più basso. Nella prima serie, oltre agli azzurri, ci sono: Germania, Portogallo, Belgio, Spagna, Francia, Inghilterra, Svizzera, Polonia, Islanda, Croazia ed Olanda.

Nella Lega B: Austria, Galles, Russia, Slovacchia, Svezia, Ucraina, Repubblica d’Irlanda, Bosnia-Erzegovina, Irlanda del Nord, Danimarca, Repubblica Ceca e Turchia

In quella C: Ungheria, Romania, Scozia, Slovenia, Grecia, Serbia, Albania, Norvegia, Montenegro, Israele, Bulgaria, Finlandia, Cipro, Estonia e Lituania

Infine nella D: Azerbaigian, ERJ Macedonia, Bielorussia, Georgia, Armenia, Lettonia, Isole Faroe, Lussemburgo, Moldavia, Kazakistan, Liechtenstein, Malta, Andorra, Kosovo, San Marino e Gibilterra

I giocatori del Portogallo esultano dopo il gol di André Silva EPA/ANTONIO PEDRO SANTOS

Anche Mariano Moscaritolo dice la sua: “L’ho sempre detto! Mancini non era l’allenatore idoneo per la rinascita della nostra amata nazionale. Donnaruma ha evitato l’ecatombe. Questa nazionale é anni luce da quella che negli anni novanta che c’incantava con le sue prestazioni. Allora tutti ci odiavano però tutti avevano paura di noi. Adesso perdiamo con tutti. anche con un Portogallo senza Cristiano Ronaldo”.

Mentre Nicola Di Leo fa il punto: “Devo dire che Antonio Conte é stato un fenomeno con questa nazionale. Ha disputato un’Europeo da favola con giocatori normali. In quel torneo é riuscito a battere Belgio, Svezia e Spagna. Ha messo la Germania alle corde nei quarti e se non fossero stati quei tiri sciagurati di Pellé e Zaza… chissà dove saremo arrivati!”

Anche Silvano Scatton é infuriato per la prestazione dell’Italia. “Jorginho ha giocato malissimo! Penso che nel Napoli giocava bene anche grazie al supporto di Allan. Mancini ha schierato una nazionale orfana d’idee, dal poco che só di calcio penso che a questa nazioanale manchi un giocatore come Verratti. Spero che gli azzurri si riprendano in fretta da questa sconfitta, se andrà avanti di questo passo le umiliazioni saranno il nostro pane quotidiano e va ricordato che ai nostri giocatori e al nostro allenatore che gli azzurri hanno quattro stelle sul petto. Contro il Portogallo ci sono stati tanti errori e i nostri giocatori salvo 3-4 occasioni non hanno impensierito il portiere dei lusitani”.

Roberto Mancini EPA/JOSE SENA GOULAO

Mentre Luigi Capuano ci dice: “Jorginho non merita di usare la maglia della nostra nazionale. Al momento non ha dimostrato nulla”.

Massimiliano Bruno fa una sua richiesta: “Prego Roberto Mancini di chiedere ad Antonio Conte come ha fatto in pochissimo tempo a trasformare una nazionale con giocatori normali in una nazionale ottima! Sempre ricorderò la gara contro la Spagna ad Euro 2016”.

Donnaruma anticipa l’ex compagno di squadra André Silva EPA/JOSE SENA GOULAO

Anche Daniele Stifano é dispiciuto per le ultime gare disputate dagli azzurri. “Questa nazionale non va! Il Portogallo ci ha battuto con un gol di André Silva, uno che con il Milan non segnava neanche a porta vuota! Voglio ricordare a tutti i membri della nazionale che la National League é un torneo serio, se non vinciamo le gare rischiamo di retrocedere e ritrovarci a giocare con nazionale di poca caratura internazionale. Mentre se vinciamo ci possiamo qualificare per l’Europeo senza passarse per le qualificazioni. Quello che non capisco come Mancini faccia gli esperimenti contro il Portogallo che addirittira non aveva Cristiano Ronaldo”

Infine Veronica Piccolo dice anche la sua: “É proprio imbarazzante vedere una nazionale cosí. Dovremo mandare una lettera allo staff azzurro e fargli capire come viviamo la nazionale noi italiani all’estero”.

La nazionale italiana tornerà in campo il prossimo 14 ottobre quando nella città di Chorzow sfiderà la Polonia, tre giorni dopo ospiterà a Milano il Portogallo.

di Fioravante De Simone