Brasile: Sergio Moro sarà superministro di Bolsonaro

Giudice anticorruzione Sergio Moro accetta invito per Giustizia e Sicurezza.
Giudice anticorruzione Sergio Moro accetta invito per Giustizia e Sicurezza. EPA/Antonio Lacerda

SAN PAOLO. – Sergio Moro, il magistrato simbolo delle inchieste anticorruzione in Brasile, ha annunciato oggi che ha accettato di essere a capo di un “superministero” che riunirà la Giustizia e la Sicurezza Pubblica nel governo di Jair Bolsonaro.

Moro si è riunito con Bolsonaro nella residenza del presidente eletto a Rio de Janeiro e, dopo l’incontro ha diffuso una dichiarazione sulla sua decisione, ha evitato i cronisti mentre viaggiava di ritorno a Curitiba. Nella nota, il giudice ha segnalato che gli costa abbandonare la sua carriera “dopo 22 anni nella magistratura”, ma “la prospettiva di poter implementare una forte agenda anti-corruzione e contro la criminalità organizzata, nel rispetto della Costituzione, la legge e i diritti, mi ha portato a prendere questa decisione”.

Moro ha precisato che l’inchiesta anticorruzione che coordinava, nota come Lava Jato, “andrà avanti da Curitiba, grazie al valido lavoro dei giudici locali”, ma “per evitare polemiche inutili”, ha deciso di escludersi da nuove udienze relative ai casi in svolgimento.