Startup fashion-tech Made in Italy alla conquista di New York

Torino, Innovation Center: nel grattacielo delle start-up.
Torino, Innovation Center: nel grattacielo delle start-up.

NEW YORK. – Il made in Italy fashion-tech a New York. Le eccellenze italiane fra le startup sbarcano nella Grande Mela grazie a Intesa Sanpaolo che, con il suo Innovation Center, le accompagna ad affacciarsi a una nuova realtà a caccia di investitori o di aziende interessate ai loro prodotti favorendo un ‘matchmaking’ per il grande salto.

Le startup accompagnate a New York sono: Tooso, Stentle, Yobs Technologies e 1trueid, che offre un sistema di sicurezza che verifica l’autenticità dei prodotti tramite tecnologia per identificazione. Il fashion e il tech sono due fenomeni profondamente legati in nozze che sembrano sempre più indissolubili. ”L’innovazione è spalmata su tutta la catena di valore: nella parte creativa, nella produzione (stampanti 3D) e vendita (che è il touch point finale con clienti)” Tony Gherardelli, promotion and culture of Innovation di Intesa Sanpaolo Innovation Center.

Intesa Sanpaolo ”vuole essere il motore della new economy: cerchiamo quella che e’ la buona innovazione” aggiunge Gherardelli, osservando come il caso di Adidas e il suo uso dell’intelligenza artificiale per la realizzazione di prodotti su misura e’ uno degli esempi del connubio fra moda e tech. Un connubio – spiega Saisangeeth Daswani, Head advisory di Stylus – destinato a continuare con l’affermarsi dei Millennials e della generazione Z, che trascorre in media 11 ore a settimana sugli smartphone, è fatta di consumatori coscienti, non leali ai marchi e che cercano tutte le scuse per esprimere loro stessi”.

”Siamo impegnati nei confronti dell’innovazione. Portiamo le startup di fronte ai nostri clienti: e’ un modo per farle crescere e per sostenere l’economia italiana” spiega Biagio Calabrese, genera manger di Intesa Sanpaolo New York hub. ”Le startup devono fatturare e poi trovare investitori: per noi è fare il matchmaking fra startup e l’investitore o la startup e la grande azienda che compra i servizi” aggiunge Gherardelli, ricordando come fra le startup uno fra i motti più popolari è ‘alzati e fattura’: ”noi aiutiamo i clienti di Intesa Sanpaolo a sviluppare strategie di open innovation, presentando opportunità come le start up” aggiunge Gherardelli. ‘

‘Dobbiamo far sapere agli italiani che si sono iniziative come questa di Intesa” mette in evidenza Mauro Porcini, senior vice president & Chief Design Officer di PepsiCo, osservando come spesso le start up italiane non sanno di avere opportunità come la Startup Initiative dell’Innovation Center, la società del gruppo Intesa guidata da Maurizio Montagnese in qualita’ di presidente e Mario Costantini come direttore generale.

La Startup Initiative di Intesa è un programma di accelerazione internazionale che ha lo scopo di selezionare le migliori start up high-tech per prepararle al confronto con il mercato aiutarle a entrare in contatto con potenziali investitori e partner industriali.