Tokyo 2020: al via il Mondiale sollevamento pesi ad Ashgabat

La pesista venezuelana Katherine Echandia in azione. Pesistica
La creola Katherine Echandia sarà una delle protagoniste della delegazione venezuelana.

CARACAS – Al via oggi ad Ashgabat,  capitale e città più popolosa del Turkmenistan, il Mondiale di Pesistica, in programma fino al 10 novembre, con il quale si apre una nuova pagina della disciplina.

Da questo 2018 cambiano infatti le regole del gioco con nuove categorie di peso e qualificazione olimpica individuale, non più di squadra. A staccare il pass per i giochi olimpici di Tokyo 2020 non sarà più quindi la Nazione ma saranno i singoli atleti, che dovranno accumulare punti nei tornei che inizieranno proprio ad Ashgabat e termineranno tra 20 mesi.

Durante questo percorso gli atleti saranno costantemente controllati, al fine di dare una stoccata definitiva al doping.

La kermesse iridata servirà quindi agli atleti per studiarsi a vicenda e per entrare nel meccanismo, reso ancora più incerto dal cambio di categorie di peso.

Ad Ashgabat saranno in gara 800 pesisti provenienti da 100 paesi distribuiti nella seguente maniera: 38 per l’Europa, 29 per l’Asia, 15 per il continente americano e 9 per l’Africa e l’Oceania. Tra i paesi partecipanti ci sono Italia e Venezuela.

La terra di Bolívar porterà una spedizione di 10 pesisti, stesso numero di atleti per la delegazione azzurra.

Nella squadra venezuelana nella categoría 45 chilogrammi c’è Katherine Echandía, vincitrice della medaglia d’oro nei Giochi olimpici giovanili estivi che si sono svolti a Buenos Aires poche settimane fa.

Oltre alla  Echandía saliranno in pedana: Yusleidy Figueroa nei 64 kg, Dayana Chirinos nei 76 kg e Naryuri Pérez nei 87 kg.

Nella categoría maschile ci saranno: Wilkeiner Lugo nei 61 kg, Julio Mayora nei 67 kg, Renzon Balza nei 81 kg, Keydomar Vallenilla nei 89 kg, Jeison Arias nei 96 kg e Jesús González nei 109 kg.

(di Fioravante De Simone)