Serie A, Allegri: “Inter e Napoli son lì, guai sbagliare”

Tabellone di presentazione della partita Juventus-Cagliari, con la foto di Allegri.
All'Allianz arriva il Cagliari, Allegri vieta i cali di tensione. (ANSA)

TORINO. – Il mezzo passo falso col Genoa, e le amnesie di Empoli, non si devono più ripetere. Non vuole più cali di tensione Massimiliano Allegri, che contro il Cagliari chiede alla Juventus una prova di maturità. “Non possiamo mettere a rischio il campionato, cin vuole molta più attenzione e concentrazione perché le partite vanno vinte sul campo. E Inter e Napoli ci sono dietro…”.

Vietato dunque distrarsi nell’anticipo di domani, antipasto di una settimana che vedrà poi i bianconeri impegnati contro Manchester United e Milan. “Abbiamo avuto delle difficoltà oggettive, ma vincere le partite non è mai semplice, e poi contro la Juventus tutti mettono quel qualcosa in più per portare a casa un risultato da ricordare”, osserva il tecnico bianconero, che prevede un analogo copione anche per domani contro i sardi, dodicesimi a due punti dal sesto posto, il passato che ritorna per Allegri, alla guida dei rossoblù dal 2008 al 2010.

“E’ la squadra che corre di più in serie A, ha tecnica e un attaccante come Pavoletti, tra i più forti in area di rigore e nel gioco aereo. Grande rispetto degli avversari, ma noi dobbiamo vincere e stop”. Tre punti permetterebbero di avvicinarsi con fiducia al doppio impegno con il Manchester e con il Milan dell’ex Higuain, quest’anno sostituito al centro dell’attacco da Cristiano Ronaldo. Per il portoghese, già sette gol all’attivo, quella di domani sarà l’undicesima partita consecutiva da titolare.

“E’ normale che siano i giocatori come lui a fare i gol”, spiega Allegri, per nulla preoccupato che la squadra diventi CR7 dipendente. “Domani dobbiamo segnare da palla inattiva perché finora abbiamo fatto un solo gol così. Chi le calcerà? Da lontano è più facile che tiri Ronaldo, abbiamo deciso che quando le punizioni sono vicine calcia Pjanic: Ronaldo è un calciatore intelligente ed ha capito che anche Pjanic e Dybala calciano bene le punizioni”.

I ritorni di Mandzukic e Khedira aumentano le opzioni a disposizione del tecnico bianconero, che dovrebbe concedere una maglia da titolare a Rugani al posto di Chiellini, mentre Cancelo, Bonucci e De Sciglio completeranno la linea difensiva. A centrocampo “Pjanic e Matuidi giocano”, mentre in attacco, a fianco di Ronaldo, Allegri deve “capire bene chi far giocare”: favoriti Mandzukic e Dybala, con Cuadrado arretrato a centrocampo.