L’influenza accelera, sono 185mila gli italiani già a letto

Influenza: una persona a letto con il termometro in mano e la borsa d'acqua fredda in testa
67mila casi nell'ultima settimana, antibiotici inutili.

ROMA. – Sono già 185.000 gli italiani colpiti e costretti a letto a causa dell’influenza e, anche se il virus è ancora ai livelli di base ed il picco si attende per dicembre, il malanno di stagione ha iniziato la sua ‘corsa’ e nell’ultima settimana ha fatto registrare 67.000 nuovi casi. Questi i dati del secondo bollettino Influnet dell’Istituto superiore di sanità (Iss) dall’inizio della sorveglianza da parte dei medici sentinella a fine ottobre, mentre si sta avviando nelle varie regioni italiane la campagna di vaccinazione promossa dal ministero della Salute.

Nell’ultima settimana, rileva l’Iss, l’incidenza totale dell’influenza è pari a 1,11 casi per mille assistiti, con 67.000 nuovi casi per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 185.000 casi. Nella fascia di età 0-4 anni l’incidenza è la più alta ed è pari a 2,00 casi per mille assistiti, nella fascia di età 5-14 anni a 0,85, nella fascia 15-64 anni a 1,22 e tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 0,78 casi per mille assistiti.

Secondo gli esperti, quella di quest’anno sarà una epidemia influenzale di intensità media e costringerà a letto 3-5 milioni di italiani. Ma costerà comunque, allo Stato e alle famiglie, quasi quanto una manovra economica, tra i costi della gestione dei casi più gravi, la perdita di denaro connessa alle assenze sul lavoro e l’esborso per i farmaci da banco.

Al contrario, i vaccini anti-influenzali si confermano un’arma a basso costo, anche se ancora sotto-utilizzata: solo il 14% dei cittadini vi ricorre ogni anno e il 60% non si è mai vaccinato. Ed anche per questo, l’influenza continua a fare molte vittime: tra le 15.000 e 70.000 persone ogni anno in Europa. In vista del picco e dell’inevitabile aumento dei casi previsto, sta partendo intanto la campagna vaccinale in tutta Italia.

Per gli operatori sanitari, i malati cronici, gli anziani, le donne in gravidanza e, a partire da quest’anno, i donatori di sangue, la vaccinazione è gratuita. I pediatri consigliano però di vaccinare contro l’ influenza anche i bimbi sotto i 6 anni, soprattutto se vanno al nido. Per proteggere i neonati sotto i sei mesi, invece, a vaccinarsi possono e dovrebbero essere i genitori e i famigliari a stretto contatto.

Al Policlinico Gemelli di Roma è partita anche la campagna di vaccinazioni ‘PROTEGGIti, fai la tua parte’, rivolta agli operatori sanitari e ai dipendenti. Da parte loro, gli infettivologi invitano a curarsi nel modo giusto, evitando il sovra-utilizzo di antibiotici: “L’influenza – afferma Massimo Andreoni, direttore Scientifico della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit) – è una malattia virale e pertanto gli antibiotici, che sono attivi contro i batteri, non hanno alcuna indicazione. Quindi solo nei casi complicati e dietro indicazione medica possono essere utilizzati. In tutti gli altri casi i farmaci da utilizzare sono anti-infiammatori delle prime vie aeree e antipiretici”. La vaccinazione, conclude l’esperto, “rimane certamente il principale strumento di prevenzione”.