La vera e perfetta letizia

Sieger Köder, Il Buon Pastore. Letizia
Sieger Köder, Il Buon Pastore.

Stamattina entrando in chiesa, incoraggiato da un bel silenzio, ho riletto le parole di frate Francesco a frate Leone sulla vera letizia. Mi sono soffermato in modo particolare sulla domanda: «Ma quale è la vera letizia?». La risposta di frate Francesco fa intuire che aveva trovato un tesoro così bello e prezioso che la sua gioia non poteva essere scalfita da alcuna delusione che poteva provenirgli dall’esterno. Che cosa ha trovato Francesco?

O meglio, da chi è stato trovato?

Penso che il Vangelo della pecorella perduta ci possa aiutare a capire qual è il motivo della vera letizia:

«4“Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? 5Quando l’ha trovata, pieno di gioia se la carica sulle spalle, 6va a casa, chiama gli amici e i vicini, e dice loro: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta”. 7Io vi dico: così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione» (Lc 15,4-7).

Gesù racconta una parabola per aiutare i farisei e gli scribi a gioire per il ritrovamento di pubblicani e peccatori che si erano perduti, ma allo stesso tempo ricorda a farisei e scribi che a ognuna delle cento pecore può capitare di smarrirsi.

Gesù ci assicura che il pastore esce a cercare ogni pecorella e la ricerca termina solo quando finalmente egli ritrova la sua pecorella. A quel punto, il pastore, pieno di gioia, chiama gli amici e i vicini: «Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta» (Lc 15, 6).

La vera letizia di frate Francesco e la vera letizia di ognuno di noi sta nel poter essere certi che il nostro Dio è come un pastore: Egli si prende cura di noi e ogni volta che ci allontaniamo o ci perdiamo, esce e si mette a cercare finché non ci trova. La nostra gioia sta nell’aver incontrato Dio, nell’essere stati presi sulle sue spalle sicure, quando ormai sembrava perduta ogni speranza di salvezza: pastore e gregge erano talmente lontani da non poterli ritrovare ed eravamo in giro impauriti e senza meta.

Frate Francesco è stato ritrovato dal buon pastore e riportato con le altre pecorelle. Poi si è scatenata l’allegria della festa! Per questo la sua gioia è vera, perché non dipende dalle circostanze esteriori e temporanee, ma dall’amore di Dio, un amore che rimane per sempre. L’esperienza di Francesco è per ogni uomo: Dio ci chiama tutti a conoscerlo e a lasciarci conoscere perché possiamo anche noi fare esperienza della sua bontà e del suo amore ed essere felici.

E allora ringraziamo il Signore per il dono di San Francesco d’Assisi e scopriamo insieme a lui qual è la vera letizia:

«Il beato Francesco, presso Santa Maria degli Angeli, chiamò frate Leone e gli disse: “Frate Leone, scrivi”. Questi rispose: “Eccomi, sono pronto”. “Scrivi – disse – quale è la vera letizia”.

“Viene un messo e dice che tutti i maestri di Parigi sono entrati nell’Ordine; scrivi: non è vera letizia. Così pure che sono entrati nell’Ordine tutti i prelati d’Oltr’Alpe, arcivescovi e vescovi, non solo, ma perfino il Re di Francia e il Re d’Inghilterra; scrivi: non è vera letizia. E se ti giunge ancora notizia che i miei frati sono andati tra gli infedeli e li hanno convertiti tutti alla fede, oppure che io ho ricevuto da Dio tanta grazia da sanar gli infermi e da fare molti miracoli; ebbene io ti dico: in tutte queste cose non è la vera letizia”.

“Ma quale è la vera letizia?”

“Ecco, io torno da Perugia e, a notte profonda, giungo qui, ed è un inverno fangoso e così rigido che all’estremità della tonaca, si formano dei ghiacciuoli d’acqua congelata, che mi percuotono continuamente le gambe fino a far uscire il sangue da siffatte ferite. E io tutto nel fango, nel freddo e nel ghiaccio, giungo alla porta e, dopo aver a lungo picchiato e chiamato, viene un frate e chiede: “Chi è?”. Io rispondo: “Frate Francesco”. E quegli dice: “Vattene, non è ora decente, questa, di andare in giro, non entrerai”. E poiché io insisto ancora, l’altro risponde: “Vattene, tu sei un semplice ed un idiota, qui non ci puoi venire ormai; noi siamo tanti e tali che non abbiamo bisogno di te”. E io sempre resto davanti alla porta e dico: “Per amor di Dio, accoglietemi per questa notte”. E quegli risponde: “Non lo farò. Vattene al luogo dei Crociferi e chiedi là”.

Ebbene, se io avrò avuto pazienza e non mi sarò conturbato, io ti dico che qui è la vera letizia e qui è la vera virtù e la salvezza dell’anima» (San Francesco d’Assisi, «Della vera e perfetta letizia»).

don Gian Luca

gioiaepace.blogspot.com