Bignardi a Madrid ha presentato il suo ultimo romanzo

MADRID – L’altra sera, alle 19 puntuale e vestita di una fantasia floreale, si è presentata informale e socievole al pubblico madrileño che ha gremito con oltre 50 persone la libreria “Los Editores”, Daria Bignardi. La giornalista italiana ha presentato il suo ultimo romanzo “Storia della mia ansia” intervistata dalla giornalista Federica Lonati e accompagnata da una traduttrice simultanea.

L’ evento organizzato da Erika Bezzo di Italia Altrove, all’ interno del Festival Ellas Crean 2019, ha visto la presenza anche dell’Ambasciatore Stefano Sannino. L’intervista scorre rapida tra citazioni calviniane e piccoli spolier sul romanzo e sulla complessità dei suoi personaggi. Incalzata da Losati sulla struttura caratteriale di Lea e Shlomo, i protagonisti, ma soprattutto sulla parte autobiografia della vera protagonista indiscussa del romanzo, l’ansia.

Daria Bignardi sostiene di esser una avida lettrice fin da bambina e pertanto sente dentro di sé da sempre la voglia e il bisogno di raccontare storie. Dopo una lunga e di successo carriera televisiva, iniziata come autrice e poi seguita brillantemente come presentatrice e divenuta nota come intervistatrice di personaggi famosi, non ha mai abbandonato l’amore per la scrittura.

Giunta al suo sesto romanzo, l’intervista la porta ad aprirsi con il pubblico raccontando l’importanza della famiglia, del trauma della perdita della madre e dello sforzo per riallacciare sé stessa al mondo. Questo fattore traumatico ha però svolto una funzione catalizzatrice nei confronti della sua creatività come scrittrice, ponendo sempre al centro dei suoi romanzi una parte di fantasia e una autobiografica. Questo il filo conduttore dal primo all’ ultimo romanzo, dove l’ansia come protagonista, diviene un

personaggio che guida la vita di Lea. Un’ansia che spinge ad affrontare amore, dolore e paura sentimenti scatenati dentro Lea dalla scoperta della malattia e a riconsiderare tutte le sue relazioni interpersonali, ironizza l’autrice soprattutto quella con sé stessa!

 

Il racconto che tra citazioni epicuree e stile sempre in prima persona scorre rapido e piacevole. Il successo dei lettori è ricordato con affetto da Daria riportando il commento di una fan che afferma sui social: “Questo libro mi capisce!”. Impegnata ora anche in un tour teatrale dove porta in scena un monologo accompagnato da Flo, cantante napoletana e dove ispirandosi alla Coscienza di Zeno, porta in scena la “La coscienza dell’Ansia”.

L’evento si conclude con le domande del pubblico, dove amichevolmente risponde sia sui propri gusti culinari ferraresi, che su quelli letterari citando come favoriti Svevo e Vittorini. La sessione di dediche e autografi chiude la serata, insieme a molti selfie e sorrisi che dispensa senza limiti.
Michele Alberighi (Redazione Madrid)