Argentina: sindacato Cgt propone la beatificazione di Eva Perón

Medaglione d'argento con l'effige di Evita
Evita, un mito intramontabile a cent'anni dalla nascita. ANSA/Leo La Valle

BUENOS AIRES. – La Confederazione generale del lavoro (Cgt) argentina ha proposto a Buenos Aires l’apertura di un processo di beatificazione di Eva Perón, universalmente nota come ‘Evita’, di cui il 7 maggio scorso si è celebrato il centenario della nascita. In presenza dei membri del consiglio direttivo e di una rappresentanza dei ‘preti operai’, la principale centrale sindacale argentina ha reso pubblico un manifesto intitolato ‘Eva Santa del popolo’, in cui lancia la proposta, rivolta alla Santa Sede e a papa Francesco, di beatificare la consorte del presidente Juan Domingo Perón, ribattezzata la ‘Portavoce degli umili’.

La cerimonia si è svolta nella sede della Cgt dopo poco dopo l’annuncio, da parte del sindacato, di uno sciopero generale fissato per il 29 maggio contro la politica del presidente Mauricio Macri. Nel manifesto si legge che ‘Eva Perón ha consacrato la sua vita ad una mandato provvidenziale che fu la missione di salvataggio della dignità della persona umana nel suo significato più trascendente”.

La sua vita, si dice ancora, fu “sintesi di una profonda fede nel suo popolo ed in Dio che a 100 anni dalla sua nascita continua a presente nel cuore della gente e sugli altari del popolo umile insieme alla Vergine Maria”. Rivolgendosi infine a papa Francesco, la Cgt sostiene che “il Pontificato può illuminare un cammino, se siamo disposti a seguire le orme che hanno lasciato i nostri migliori uomini e donne”.