Amarcord: un giorno come oggi, il Portuguesa batteva 3-0 l’Internacional di Porto Alegre

pagina di un quotidiano del 1977 che parla della sfida
Un articolo di un quotidiano dell'espoca che esalta la gesta del Portuguesa. Foto cortasia "Chiquichagua" Marín.

CARACAS – Il 10 luglio del 1977, il Portuguesa scriveva una pagina storica per il calcio venezuelano: batteva 3-0 l’Internacional di Porto Alegre, nelle semifinali della Coppa Libertadores de América. Quel giorno, per la formazione di Acarigua andarono a segno Ricardo Moss, Nito da Lima e Carlos Nuñez.

“Sfidavamo i campioni in carica della Coppa Libertadores, loro erano i favoriti non solo nel doppio confronto contro di noi, ma anche per la vittoria finale”. – ci racconta Carlos “Chiquichagua” Marín, aggiungendo – “Li abbiamo dominati durante tutta la gara, annullandoli in ogni settore del campo. Gli abbiamo dato una lezione di calcio. Loro avevano in rosa diversi giocatori della nazionale brasiliana. Noi, i giocatori in campo quel giorno, ed i tifosi ricorderemo sempre con molto piacere questa gara”.

Allora il format della massima competizione continentale per club era diverso dall’attuale. I rossoneri, che a quei tempi avevano in rosa il brasiliano Jairzinho (vincitore del mondiale in Messico 1970), nel primo turno superarono Estudiantes de Mérida (vittorie 0-2 a Mérida e 3-0 ad Acarigua) ed i peruviani dell’Unión Huaral (pareggio 1-1 a Lima e successo 2-0 nello stadio José Antonio Páez) e Sport Boys (trionfo 1-2 a Lima e 0-0 interno).

Nella fase successiva vinsero all’esordio 3-0 contro i brasiliani dell’Internacional, ma poi arrivò il ko (2-1 tra le polemiche) nel ritorno con la squadra di Porto Alegre e la doppia sconfitta con il Cruzeiro: 0-4 nello stadio José Antonio Páez e 2-1 a Belo Horizonte.

Per la cronaca la Coppa Libertadores quell’anno fu vinta dal Boca Junior che nello spareggio superò 5-4 i brasiliani del Cruzeiro. La gara fu diretta dall’arbitro venezuelano Vicente Llogrebat.

I tifosi del Caracas sperano che la gara giocata dal Portuguesa nel lontano 1977 serva come inspirazione e motivazione per la gara di oggi pomeriggio contro l’Independiente del Valle, valevole per gli ottavi della Coppa Sudamericana.

(di Fioravante De Simone)