Caso Orlandi: nuovo colpo scena, vuote le due tombe in Vaticano

Operai lavorando su una delle due tombe nel Cimitero Teutonico (Vaticano)
Operai lavorando su una delle due tombe nel Cimitero Teutonico (Vaticano). (Ufficio Stampa Vaticano)

CITTA’ DEL VATICANO. – Le operazioni erano cominciate di mattina presto intorno a quelle due tombe nel piccolo cimitero vaticano. C’erano i magistrati, i periti, i medici legali, la gendarmeria, la famiglia. Nessuno si aspettava che le due tombe fossero completamente vuote. Il caso Emanuela Orlandi ha così registrato un nuovo colpo di scena. Ma se per il fratello, Pietro Orlandi, il risultato è “incredibile”, “inquietante”, il Vaticano usa toni diversi e fa sapere che effettuerà “verifiche documentali riguardanti gli interventi strutturali avvenuti nell’area del Campo Santo Teutonico, in una prima fase alla fine dell’Ottocento, e in una seconda più recente fase tra gli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso”.

Come a dire che le salme delle principesse lì sepolte in quelle occasioni potrebbero essere state spostate. Anche mons. Gianfranco Girotti, reggente merito della Penitenzeria, da anni attento al caso, parla di “ennesima pista che non ha portato a niente” e di “una leggenda alla quale bisognerebbe mettere la parola fine”.

La magistratura vaticana aveva autorizzato l’apertura di due tombe nel Cimitero Teutonico per verificare, dopo alcune segnalazioni, se nel luogo di sepoltura di due principesse potessero esserci anche i resti della ragazza scomparsa 36 anni fa. Sono passate da poco le 11 quando Pietro Orlandi esce dalla Porta adiacente al Sant’Uffizio con una espressione incredula: “Le tombe sono vuote, è incredibile”, dice ai giornalisti riferendo di avere provato “sollievo” ma allo stesso tempo di trovarsi, ancora una volta, a ricominciare daccapo.

“Credo che si dovrà andare avanti e spero in una collaborazione onesta del Vaticano che, facendo aprire le tombe, aveva ammesso la possibilità di una responsabilità interna. Finché non troverò Emanuela – dice Pietro – è mio dovere cercare la verità”.

Il portavoce vaticano Alessandro Gisotti conferma: “Le ricerche hanno dato esito negativo: non è stato trovato alcun reperto umano né urne funerarie”. E la Santa Sede coglie l’occasione per ribadire che “ha sempre mostrato attenzione e vicinanza alla sofferenza della famiglia Orlandi e in particolare alla mamma di Emanuela. Attenzione dimostrata anche in questa occasione nell’accogliere la richiesta specifica della famiglia di fare verifiche nel Campo Santo Teutonico”.

Ma il giallo resta, come i tanti interrogativi rimbalzati questa mattina nella ressa di telecamere e giornalisti davanti al colonnato del Bernini. E’ Pietro a dire: “Anche i familiari delle principesse a questo punto dovrebbero chiedere che fine hanno fatto le ossa. Noi comunque andiamo avanti”. Sulle prossime iniziative della famiglia, l’avvocato Laura Sgrò dice: “La nostra azione prosegue. Questa mattina tutto ci aspettavamo meno che di vedere due tombe vuote. Chi sa qualcosa ci aiuti, questo è il momento per farlo”.

Sul caso di Emanuela Orlandi è di fatto la terza ricerca che viene fatta in luoghi di sepoltura. Nel 2012, spostando la salma di Enrico De Pedis, il boss della banda della Magliana, dalla Chiesa di Sant’Apollinare, fu disposta anche l’analisi delle ossa custodite nella cripta. Ma nulla che riconducesse a Emanuela fu trovato. Un copione che si è ripetuto di recente, dopo il ritrovamento, a fine ottobre 2018, di resti ossei sotto la Nunziatura apostolica in via Po a Roma. Ma anche in quel caso non si trovò nulla relativo al caso della ragazza. “Ci basavamo sulle segnalazioni, non solo su una lettera anonima – prosegue Pietro -, segnalazioni che partivano dal 2017, interne al Vaticano e non anonime che ci segnalavano come fosse quello il luogo di sepoltura di Emanuela. Adesso non può finire così”.

(di Manuela Tulli/ANSA)