Aifa ai medici, rischio depressione dai contraccettivi

Buste con contraccettivi.
Buste con contraccettivi. (ANSA)

ROMA. – I contraccettivi ormonali possono avere come effetto collaterale depressione e un maggior rischio di suicidio: per questo è bene segnalare e cogliere eventuali cambiamenti d’umore. E’ l’indicazione che arriva dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) in una lettera inviata ai medici. L’avvertenza vale per tutti i contraccettivi ormonali in vendita in farmacia, cioè pillola, cerotto, anello vaginale, spirale e impianto per uso sottocutaneo.

“A conclusione della valutazione del segnale di sicurezza condotta a livello europeo – si legge – relativo al rischio di comportamento suicidario e suicidio associati a depressione, nelle pazienti che utilizzano contraccettivi ormonali, è stato deciso l’aggiornamento delle informazioni sul prodotto dei contraccettivi ormonali con una nuova avvertenza”.

L’umore depresso e la depressione sono effetti indesiderati già noti associati ai contraccettivi ormonali. In particolare la depressione, che è un fattore di rischio per comportamenti suicidari, può essere in forma grave. “Le pazienti devono essere informate – continua l’Aifa – e contattare il proprio medico se notano cambiamenti d’umore e sintomi depressivi, anche se si presentano poco dopo l’inizio del trattamento”.

Ma, come rileva Emilio Arisi, presidente della Società medica italiana di contraccezione (Smic), “il rischio di depressione e cambiamenti dell’umore è una cosa nota. Si sa da anni che gli ormoni, in particolare i progestinici, possono influenzare l’umore portando a comportamenti depressivi”.

Questo nuovo avviso però è stato deciso principalmente sulla base di due studi danesi, uno del 2016 e l’altro del 2018, pubblicati sull’American Journal of psychiatry. Il primo aveva rilevato un aumento del 23% del consumo di farmaci antidepressivi per le donne giovani (15-34 anni) che prendevano contraccettivi ormonali, che saliva al 34% con la minipillola a base solo di progesterone.

Nel 2018 lo stesso gruppo di ricercatori ha indagato il rapporto tra contraccezione e suicidio su quasi un milione di danesi, riscontrando una probabilità tripla di suicidio per le donne che prendevano la pillola, e il rischio era alto soprattutto per le adolescenti.

“Nella mia esperienza però, ormai di qualche decennio – conclude Arisi – posso dire di non aver mai riscontrato casi del genere. Con gli adolescenti inoltre va tenuto presente che i fattori di rischio suicidario sono molteplici. Certo l’Aifa ha fatto bene, per tutelarsi, a diramare questo avviso sulla base delle indicazioni ricevute a livello europeo”.