Argentina: Governo crea piano nazionale “contro la fame”

Produttori agricoli distribuiscono 10 tonellate di frutta a pochi metri dal palazzo di governo a Buenos Aires, nell'aprile dell'anno scorso. (Panam Post)

ROMA. – Il governo dell’Argentina ha reso ufficiale, attraverso una risoluzione pubblicata nella Gazzetta ufficiale, la creazione del Piano nazionale “Argentina contro la fame” diretto dal ministero dello Sviluppo sociale, guidato da Daniel Arroyo, con l’obiettivo di “garantire sicurezza e sovranità alimentare di tutta la popolazione e le famiglie argentine, con particolare attenzione ai settori di maggiore vulnerabilità economica e sociale”. Lo riporta il sito del quotidiano La Nacion.

Nella risoluzione si indica che “in virtù dell’emergenza alimentare e nutrizionale che sta attraversando” l’Argentina, “è essenziale comprendere che tutte le azioni e le strategie che porta avanti” il ministero dello Sviluppo sociale “attraverso i suoi diversi programmi, che hanno come obiettivo finale di rispondere a questa situazione così angosciante”.

La risoluzione sottolinea che “per rispondere al problema della fame nella Repubblica argentina, è necessario un approccio globale, dato che la sicurezza alimentare è associata al benessere sociale e alla sua espressione in diverse dimensioni (economia, cura, salute e istruzione tra gli altri)”.

Il programma contro la fame in Argentina comprende diversi strumenti promossi da Alberto Fernández sin dal suo insediamento, in quanto il presidente argentino ha trasformato questa politica in uno dei pilastri del suo governo.

Tra questi strumenti, il governo nazionale si è posto l’obiettivo di distribuire 1,4 milioni di carte alimentari con un budget tra i 4000 e 6000 pesos al mese (60-90 euro), a seconda del numero di figli, utili per acquistare cibo nei supermercati e nei negozi. I beneficiari del piano saranno madri e padri di bambini fino a 6 anni, donne in gravidanza e persone con disabilità.