Google sviluppa tre app per usare meno lo smartphone

Screenshot esempio dell'app Screen Stopwatch con il tempo trascorso sul cellulare.
Screenshot esempio dell'app Screen Stopwatch con il tempo trascorso sul cellulare.

ROMA. – Google ha lanciato tre nuove applicazioni pensate per far usare di meno lo smartphone, favorendo il digital detox. Due app puntano a rendere gli utenti più consapevoli del tempo che trascorrono con il telefonino in mano, mentre la terza offre un aiuto pratico per disintossicarsi.

Quest’ultima si chiama Envelope e propone degli involucri per avvolgere lo smartphone. In pratica consiste in alcuni Pdf contenenti le cover di carta che l’utente può stampare e avvolgere intorno al telefono, così da limitarne le funzionalità. Una cover consente soltanto di fare telefonate, mentre un’altra lascia abilitata solo la fotocamera.

Un approccio più morbido è rappresentato dalle app Screen Stopwatch e Activity Bubbles. La prima consiste in una schermata che tiene a caratteri cubitali il conto delle ore, minuti e secondi che trascorriamo con lo smartphone in mano.

Activity Bubbles ha un funzionamento simile: ogni volta che si sblocca lo schermo del dispositivo, la schermata mostra una bolla in più, che diventa tanto più grande quanto più lunga è la sessione d’uso dello smartphone.

Le tre app fanno parte della Digital Wellbeing Initiative, l’iniziativa per il benessere digitale che Google definisce come “una raccolta di idee e strumenti per aiutare le persone a trovare un equilibrio migliore con la tecnologia”.