Treno deragliato: lo scambio e l’errore, al via le perizie

Un dettaglio dello scambio sulla linea ferroviaria dove all'alba un treno ad alta velocità 9505 Milano-Salerno è uscito dai binari nei pressi della stazione di Livraga, nella campagna di Lodi.
Un dettaglio dello scambio sulla linea ferroviaria dove all'alba un treno ad alta velocità 9505 Milano-Salerno è uscito dai binari nei pressi della stazione di Livraga, nella campagna di Lodi. (ANSA)

LODI. – Perché quello ‘scambio’ non si trovava nella giusta posizione e perché il sistema centrale non lo ha rilevato indicando invece il “giusto tracciato” al personale del Frecciarossa 9595 Milano-Salerno che è deragliato ieri nel Lodigiano, causando la morte di due macchinisti, Giuseppe Cicciù e Mario Di Cuonzo, e il ferimento di 31 persone?

Sono i quesiti a cui stanno cercando di rispondere gli agenti della Polfer che si avvarranno anche della ricostruzione tridimensionale del luogo dell’incidente, come già avvenuto due anni fa in occasione del deragliamento del treno a Pioltello. Gli specialisti del Noif, il Nucleo operativo incidenti ferroviari della Polfer, stanno svolgendo per la Procura di Lodi le indagini che hanno al centro anche la mancata segnalazione al sistema elettronico di sicurezza dello scambio in ‘svio’.

E si prospettano degli accertamenti irripetibili sui binari che comporteranno necessariamente a breve l’iscrizione nel Registro degli indagati di qualche persona per omicidio e disastro colposo. I tecnici e gli investigatori infatti dovranno chiarire perché il sistema di rilevamento abbia ricevuto una segnalazione di binari ‘per dritto’ e non di ‘svio’, che avrebbe fermato il treno prima.

Lo scambio – il cosiddetto ‘punto zero’ – avrebbe dovuto infatti avere gli ‘aghi’ dei binari posizionati sul ‘corretto tracciato’ e invece li aveva posizionati in svio a sinistra. A contatto con lo scambio la carrozza n.1, dove si trova la motrice, è praticamente ‘decollata’ a quasi 300 all’ora, impattando contro un carrello che si trovava su un binario di ricovero, e poi contro una palazzina di manutenzione.

Dalla cabina di pilotaggio, sventrata, i corpi dei due macchinisti sono stati proiettati fuori a grande distanza.

Servirà per ricostruire il tutto anche l’hard disk delle telecamere, acquisite oggi, nel perimetro della stazione tra Livraga e Ospedaletto Lodigiano dove l’alta velocità corre parallela all’autostrada del Sole. I sindacati, che oggi hanno indetto due ore di sciopero, rifiutano l’ipotesi di un errore umano commesso dalla squadra di cinque operai che erano intervenuti sullo scambio poco prima come unica causa dell’incidente.

I lavoratori, seguendo una normale procedura, sono stati intanto destinati ad incarichi di ufficio, in attesa degli esiti delle inchieste aperte dalle Ferrovie e dalla Procura di Lodi. Sentiti come testi, gli operai avrebbero detto di non aver terminato il lavoro completamente, ma di aver rimesso lo scambio in ordine e che il binario dagli agenti di manutenzione era stato restituito regolarmente a quelli di movimentazione. Secondo quanto si è saputo, in questo modo la centrale di Bologna non avrebbe potuto constatare l’anomalia.

Il lavoro dei tecnici è già iniziato. Oggi è cominciata la rimozione dei detriti e la messa in sicurezza della palazzina danneggiata. Ed è stata rimandata l’ispezione prevista per domani mattina nell’hangar dello scalo Milano-Fiorenza, sui pezzi del treno regionale deragliato all’altezza di Pioltello, nel milanese, il 25 gennaio di due anni fa perché sia il personale della Polizia ferroviaria che i consulenti di Rete ferroviaria italiana sono al lavoro nel Lodigiano.

Non ci sono per ora previsioni sui tempi in cui potrà essere ripristinata la linea dei treni alta velocità ora interrotta a causa del deragliamento di ieri. L’area è infatti stata posta sotto sequestro dalla Procura di Lodi e fino a quando non sarà disposto il dissequestro Rfi non potrà iniziare i lavori di ripristino che riguardano fra l’altro i binari per una lunghezza di circa un chilometro e anche la rete aerea che è stata divelta. Ci potrebbero volere 48 ore dal dissequestro per la riapertura di almeno un binario.

(dell’inviato Stefano Rottigni/ANSA)