Mercato: Juve, tutto su Tonali e l’Inter rilancia

L'attaccante svedese del Milan Zlatan Ibrahimovic.
L'attaccante svedese del Milan Zlatan Ibrahimovic. (ANSA/EPA)

ROMA. – Il Milan naviga a vista, ma il coronavirus c’entra praticamente niente. Il club rossonero, nel mercato che verrà, deve risolvere un paio di questioni spinose, a cominciare dalla riconferma di Ibrahimovic che, dopo l’addio di Boban, potrebbe non rimanere a Milanello.

Poi, ci sono da discutere i rinnovi di Donnarumma e Romagnoli, con il portiere molto vicino all’addio alla maglia rossonera, per trovare ingaggi più allettanti in Ligue o in Premier, anche se i tempi sono quelli che sono.

La Juve ha due obiettivi ben precisi: Tonali e Chiesa, anche per abbassare l’età media complessiva dell’organico, che attualmente conta fra gli altri il 32enne Khedira e il 30enne Pjanic, in uscita dopo le brillanti prestazioni da playmaker di Bentancur. Il costo del cartellino del giovane talento del Brescia si aggira sui 50 milioni (Cellino non accetterebbe contropartite tecniche), ma non è escluso che si inneschi un’asta, con l’Inter pronta ad alzare la posta.

Le alternative bianconere per il centrocampo si chiamano Milinkovic-Savic e Pogba. Non due qualunque.

É molto difficile che la Roma riscatti Kalinic per 9 milioni, dei quali 2 già versati, che sembra pertanto destinato a tornare all’Atletico Madrid. L’obiettivo primario in casa giallorossa è quello di trattenere Smalling (anche se il Manchester United alza il prezzo, arrivando a quasi 30 milioni di euro). Fonseca spinge per l’arrivo del centravanti Tiquinho Soares, brasiliano che gioca nel Porto, classe 1991.

Per la Lazio il rinnovo di Luis Alberto è solo una formalità: in vilico c’era solo la questione dei bonus che, negli ultimi giorni, è stata superata. Si attendono la firma e l’annuncio. Godin dovrebbe salutare l’Inter, che è pronta a mettere le mani sul giovane portiere argentino Musso dell’Udinese.

L’Atalanta cerca di resistere alle lusiche del Leicester che ha messo gli occhi addosso a Castagne, un giocatore molto gradito all’allenatore Rodgers.