Coronavirus, con plasma morti ridotte dal 15% al 6%

Una donna dona il sangue per trasfusione plasma.
Una donna dona il sangue per trasfusione plasma.. EPA/Zoltan Balogh HUNGARY OUT

ROMA. – Mortalità più che dimezzata, scesa da una media del 15% al 6%: sono incoraggianti i primi risultati ottenuti dalla sperimentazione condotta in Lombardia sotto la guida del Policlinico San Matteo di Pavia con l’Asst di Mantova, utilizzando il plasma ricco di anticorpi delle persone guarite dalla Covid-19. Tanto che adesso si prevede di estendere la sperimentazione e di incoraggiare le donazioni da chi ha superato la malattia.

Sebbene questo risultato sia preliminare e relativo a 46 pazienti, è una prova di principio che ha già destato un grande interesse in tutta Italia, dal Piemonte al Veneto fino alle Marche e alla Toscana, che con lo studio ‘Tsunami’ è diventata capofila della sperimentazione nazionale; il protocollo di ricerca italiano ha suscitato anche l’interesse degli Stati Uniti, che lo hanno adattato alla realtà americana.

“È stata aperta una strada”, ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, nella conferenza stampa in cui sono stati presentati i risultati. Questi ultimi sono pubblicati al momento sul sito ArXiv, che ospita gli articoli in attesa di revisione scientifica, e giovedì i ricercatori prevedono di sottoporli a una rivista scientifica internazionale per la pubblicazione.

Fontana ha detto inoltre che il ministro della Salute, Roberto Speranza, gli ha confermato “che anche il governo ha particolare interesse per proseguire questa iniziativa”. L’idea di andare a cercare gli anticorpi nel sangue delle persone guarite per dare delle difese immunitarie a chi ha ancora la malattia è nata a Pavia all’inizio di marzo, ha detto il direttore generale del policlinico San Matteo di Pavia, Carlo Nicora.

Una volta separato il plasma dal sangue si misura il livello degli anticorpi presenti (titolo anticorpale) e il requisito minimo per una quantità sufficiente è indicato in 1:160, vale a dire che diluendo il siero 160 volte, questo risulta ancora in grado di impedire al virus di aggredire le cellule: è il cosiddetto plasma iperimmune.

Gli anticorpi sono definiti ‘neutralizzanti’ perché neutralizzano l’arma che il nuovo coronavirus usa per entrare nelle cellule, ossia la proteina Spike, dall’inglese ‘punta’. Questa è una sorta di chiave molecolare con cui il virus fa scattare il recettore Ace2, come una serratura sulla superficie delle cellule umane.

Per ogni donatore, ha detto il direttore del servizio di Immunologia del San Matteo, Cesare Perotti, si ottengono due dosi di plasma da 300 millilitri l’una: “È una terapia solidale”, ha osservato. I 46 pazienti, arruolati fra Pavia, Mantova e Novara, hanno più di 18 anni e non sono in età avanzata, sette erano intubati. I dati indicano che è stato raggiunto il principale obiettivo di ridurre la mortalità, passata da un decesso ogni sei pazienti a uno ogni 16.

Sono migliorati anche tutti i parametri respiratori, misurati in termini di quantità di ossigeno nel sangue, così come la situazione osservata per mezzo delle radiografie e il livello dell’infiammazione. Adesso, ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera, è estendere la sperimentazione, promuovere le donazioni e avviate l’organizzazione di una banca del plasma iperimmune.

BG/ S0A QBXB