Cioccolato, un aiuto per cuore e cervello

Cioccolato, frame video ANSA.
Cioccolato, frame video ANSA.

ROMA. – È il comfort food per eccellenza, migliora l’umore e se consumato con moderazione, ha proprietà antinfiammatorie, riduce il rischio di malattie cardiache, è un possibile alleato contro la pressione alta e fa bene al cervello.

Il cioccolato, da sempre protagonista di svariati momenti delle nostre giornate, da quelli piacevoli a quelli malinconici, ha dei benefici per la salute che gli studi scientifici svelano anno dopo anno. Eccone alcuni, che riguardano in particolare la versione fondente, in occasione della giornata mondiale dedicata a questo alimento.

Innanzitutto, il cioccolato è pieno di antiossidanti:lo dimostra uno studio pubblicato nel 2011 su Bmc Chemistry: cacao e cioccolato fondente sono ricchi di composti organici biologicamente attivi e che funzionano come antiossidanti, come polifenoli, flavanoli e catechine. Ne hanno più di altri cibi, tra i quali i mirtilli.

Secondo un altro studio, pubblicato su Hypertension, composti bioattivi nel cacao (tra i quali la teobromina, molto pericolosa per i cani) possono migliorare il flusso sanguigno nelle arterie e causare una piccola ma statisticamente significativa riduzione della pressione sanguigna.

Non solo:secondo altre ricerche il cioccolato fondente riduce la suscettibilità del colesterolo LDL ( ‘cattivo’) ai danni ossidativi aumentando il colesterolo ‘buono’, l’HDL, e migliorando la sensibilità all’insulina.

In più, oltre a ridurre il rischio di malattie cardiache e avere proprietà antinfiammatorie (lo dimostra, tra gli altri, uno studio pubblicato nel 2018 sull’International Journal of Preventive Medicine), secondo una ricerca italiana, dell’Università dell’Aquila, pubblicata sempre su Hypertension nel 2012, fa bene anche al cervello. Il cacao può infatti migliorare significativamente la funzione cognitiva negli anziani con una media compromissione di questa capacità.

Il cioccolato fondente e’ anche un possibile alleato contro la pressione alta: i risultati di una ricerca in Portogallo, all’Istituto Politecnico di Coimbra, e pubblicati nel 2019 su Nutrition, suggeriscono che un modo dolce e gustoso per far scendere la pressione potrebbero essere proprio pochi quadratini di cioccolato fondente al giorno.

Infine, informazione che può risultare utile in estate, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Nutrition qualche anno fa, i flavonoli nel cioccolato fondente proteggono dai danni del sole migliorano il flusso sanguigno verso la pelle e aumentano la densità e l’idratazione della pelle stessa.

Sempre il fondente, poi, è salva-umore: se consumato con regolarità, tiene lontana la depressione, riducendo il rischio fino al 70% secondo uno studio guidato dallo University College London, pubblicato nel 2019 sulla rivista Depression and Anxiety.

Un’altra curiosità? Dove si consuma più cioccolato vengono assegnati più premi Nobel. Lo dimostra il lavoro di ricerca di un team di studiosi della Columbia University, che ha condotto un’indagine sul consumo di cioccolato in oltre 20 Paesi del mondo.

(Di Elida Sergi/ANSA)