Flavio Fridegotto, la scomparsa di un pioniere

Flavio Fridegotto, la scomparsa di un pioniere

CARACAS – Altro lutto in seno alla nostra Collettività a causa della Covid-19. È venuto a m mancare, nei giorni scorsi, Flavio Fridegotto, uno dei pionieri della nostra comunità.

Proveniente da una famiglia numerosa, Flavio Fridegotto, nato a Padova, emigrò in Venezuela nel 1961. Nonostante non avesse frequentato gli studi superiori, riuscì ad iscriversi alla scuola alberghiera a Zurigo. Conclusi gli studi decise di emigrare.  

A Valencia, città che lo accolse con calore, comincia a fare i primi passi come imprenditore. Non senza sacrifici riesce a creare un piccolo imperio. “Ferretería Hermanos Fridegotto”, “Ferretería Industrial”, “Industria Jimmy”, “Mi Viejo Mercado C.A.” “Hevenca” e alcune discoteche sono una testimonianza del suo impegno come uomo d’affari.

“Sono una persona fortunata – amava dire -. Tuttala  vita, in famiglia, abbiamo seguito l’esempio dei nostri genitori. Mio padre, con 10 figli, sempre ripeteva: se la montagna non va da te, tu devi andare dalla montagna”.

Non solo imprenditore

Fridegotto è stato presidente della Camera di Commercio di Valencia e di Consecomercio. Dal 2003 al 2007 ha presieduto Fedecámaras Carabobo. È stato anche presidente di Cavenit-Carabobo.

Era particolarmente orgoglioso della sua “Finca Carbonara”, dove allevava pesci ornamentali che esportava in Canada, Stati Uniti, Italia, Germania e Norvegia.

La sua attività non si limitava all’ambito imprenditoriale. Infatti, fondò la “Liga Profesional de Baloncesto”, la “Asociación Deportiva Isabelica”, la “Liga Especial del Carabobo Basketball Club” oggi “Liga Profesional de Venezuela”.

“A Valencia – diceva – mi manca essere Governatore e prete. Questa terra ha dato una opportunità a tutti i venezuelani. Anche a coloro che sono venuti da altri Paesi. Chi non è riuscito a costruirsi un futuro in Venezuela, semplicemente non ha voluto. Nonostante l’attuale situazione – ripeteva – il Venezuela resta il miglior Paese al mondo.

Oggi, in lutto, è tutto lo Stato Carabobo.

 ————–

La Redazione della “Voce” è vicina, in questo momento di dolore, alla famiglia di Flavio Fridegotto