Auto e Moto d’Epoca, eccellenze italiane in tempo di Covid

la mostra organizzata da ACI Storico, dedicata al ‘genio italiano nel dopoguerra’
La mostra organizzata da ACI Storico, dedicata al ‘genio italiano nel dopoguerra’.

PADOVA. – Significativa del momento che stiamo vivendo, la foto del taglio del nastro tricolore indossando la mascherina. Così s’inaugura ufficialmente la 37 Fiera di Auto e Moto d’Epoca, terza fiera mondiale di questo genere in ordine di importanza. Evento che visito con interesse e piacere puntualmente da 10 anni e che a differenza di altre simili realtà ha mantenuto una crescita sostenuta e constante.

Mario Carlo Baccaglini taglia il nastro all’inaugurazione della Fiera.

Successo dovuto, soprattutto, alla straordinaria capacità di fare squadra del suo visionario patron Mario Carlo Baccaglini che, puntando sempre sulla qualità, è riuscito a fondere in modo naturale un misto di appartenenza, orgoglio e passione che sembra di percepire nell’aria della fiera.

Tra i molti espositori di alto livello presenti mi ha particolarmente colpito la mostra organizzata da ACI Storico, dedicata al ‘genio italiano nel dopoguerra’ per la grande cura informativa, il magnifico allestimento, la bellezza di questi bolidi prodotti negli anni 50/60, che difficilmente ti lasciano indifferente.

 

Sarebbe irresponsabile non prendere sul serio la grave minaccia che rappresenta il COVID, e per questo sia la opportuna comunicazione che le azioni in atto, sempre nel rispetto delle diverse realtà, devono prima di tutto preservare la salute delle persone mettendo in campo tutte e anche più misure che il buon senso e la legge prevedono.

Foto e testo Walter Ponchia