2022 l’anno dei privati nello spazio

Il lancio della capsula Crew Dragon della Space X nel suo primo volo operativo
Il lancio della capsula Crew Dragon della Space X nel suo primo volo operativo (NASATV)

ROMA.  – Il 2022 si annuncia come l’anno dei privati nello spazio, con la prima missione completamente gestita da un’azienda da quando lo Sputnik ha inaugurato l’era spaziale, e i protagonisti saranno altrettanto insoliti: tre uomini d’affari, uno dei quali con i suoi 71 anni si prepara a diventare il secondo uomo più anziano ad andare in orbita, e un veterano dello spazio.

Promette di una missione da record quella annunciata dalla Axiom Space, l’azienda americana fondata dall’ex responsabile del programma della stazione spaziale della Nasa Michael Suffredini.

Chiamata Ax-1, la missione è in programma per il 2022, la durata prevista è di dieci giorni e, grazie a un accordo con la Nasa, potrà utilizzare la capsula Crew Dragon della SpaceX.Il comando è affidato all’astronauta Lopez-Alegria, vicepresidente della Axiom Space, che ha al suo attivo quasi 260 giorni in orbita trascosti in quattro missioni della Nasa; dopo il suo ritito dall’agenzia spaziale americana nel 2012 si prepara a diventare il primo ex astronauta della Nasa a tornare da privato sulla Stazione Spaziale.

Nell’equipaggio c’è inoltre l’imprenditore immobiliare americano Larry Connor, che oltre a essere il primo privato a pilotare una missione spaziale,  con i suoi 71 anni si prerara a diventare la seconda persona più anziana a volare nello spazio dopo l’astronauta americano John Glenn, che volò per la sua seconda volta all’età di 77 anni.

A bordo ci saranno anche Mark Pathy, investitore e filantropo canadese e Eytan Stibbe, uomo d’affari israeliano ed ex pilota di caccia.

Ax-1 si propone come la prima di una serie di missioni commerciali verso la Stazione Spaziale, organizzate in base a un accordo con la Nasa. Nei programmi dell’azienda di Houston vi è anche un volo con l’attore Tom Cruise e il regista Doug Liman.

Il volo del 2022 sarà un banco di prova per le future missioni dell’azienda, finalizzate a collegare nuovi moduli commerciali alla stazione orbitale. La Axiom  è stata infatti selezionata dalla Nasa all’inizio del 2020 per collegare moduli commerciali alla stazione orbitale proprio per aprire ai privati il laboratorio spaziale.

Nella sua prima missione, Axiom Space organizzerà l’addestramento e supervisionerà le operazioni in volo per l’equipaggio.

Non è la prima volta che privati volano nello spazio, ma non vi era mai stato finora un equipaggio completamente composto da privati e con una maggioranza di individui che non sono astronauti di professione.

É un fenomeno nuovo rispetto al turismo spaziale che tra il 2001 e il 2009 ha visto in orbita sette turisti, che hanno pagato il loro ‘biglietto’ per partecipare alla missione volando a bordo della navetta russa Soyuz, in compagnia ddi un equipaggio composto da astronauti professionisti.

(di Monica Nardone/ANSA)