Venezia compie 1.600 anni, in settimana il via alle celebrazioni

Venezia, vista di Piazza San Marco durante il lockdown.
View of San Marco square on twilight during the lockdown emergency period aimed at stopping the spread of the Covid-19 coronavirus. Although the lockdown and full absence of people, the scenery of the Italian squares and monuments remain fascinating, Venice, Italy, 28 April 2020. (ANSA foto Fabio Muzzi)

VENEZIA. – Festeggia i 1.600 anni dalla sua fondazione la città di Venezia, che da giovedì 25 marzo fino a tutto il 2022 proporrà un calendario di eventi per raccontare la storia, le eccellenze, la cultura che l’hanno resa in 16 secoli un’icona mondiale. Il super-compleanno, nelle intenzioni dell’amministrazione comunale, non potrà che essere un segno di rinascita, di resilienza dalla pandemia, che l’ha svuotata dai turisti.

Primo momento ufficiale del programma sarà giovedì prossimo, 25 marzo 2021, 1.600 anni dalla data in cui la leggenda fa risalire la posa della prima pietra della chiesa di San Giacomo di Rialto (San Giacometto), 25 marzo del 421. In realtà gli storici non concordano su una data esatta, perché quel periodo fu segnato dall’evoluzione di continui flussi migratori, e agli insediamenti dei primi abitanti negli isolotti della laguna si aggiunsero i veneti che fuggivano dalla terraferma dagli assalti dei barbari.

Ma tant’è, per convenzione la fondazione di Venezia resta testimoniata dalla fonte manoscritta del Chronicon Altinate, ed in tempi più recenti, il Marin Sanudo, che descrivendo il grande incendio di Rialto del 1514, scriveva: “Solum restò in piedi la chiexia di San Giacomo di Rialto, la qual fu la prima chiexia edificata in Venetia dil 421 a dì 25 Marzo, come in le nostre croniche si leze”.

Le celebrazioni inizieranno così giovedì 25 marzo: alle ore 11 , in concomitanza con l’Annunciazione, nella Basilica di San Marco il Patriarca Francesco Moraglia celebrerà una messa che, per evitare gli assembramenti, sarà trasmessa in diretta televisiva attraverso il network ‘Antenna 3’ e il profilo Facebook di ‘Gente Veneta’. Nel pomeriggio, alle 16, tutte le chiese del patriarcato suoneranno le campane a distesa.

Alle ore 18.30 sarà invece la Rai a tributare un omaggio alla Città lagunare, mandando in onda su Rai 2 uno speciale dedicato a Venezia con il quale, attraverso immagini e musica, si racconteranno i 16 secoli di storia della Serenissina, con uno sguardo al futuro. Gli eventi per l’anniversario proseguiranno sino al 2022.

Sono 235 le proposte di iniziative, presentate da 135 soggetti, giunte in seguito alla call internazionale lanciata dal Comitato per le celebrazioni dei 1.600 anni, istituito dal Comune di Venezia. Le proposte dovranno essere caratterizzate da un legame storico e culturale con Venezia, nella sua dimensione di città di terra e di acqua e potranno avere luogo nel territorio nazionale oltre che in altri paesi europei ed extra europei.

Le proposte prevedono singoli eventi celebrativi, ma anche azioni con una durata temporale più estesa. Il logo dei festeggiamenti sintetizza bene l’immagine di Venezia: un segno grafico che unisce il leone di San Marco, le tre cupole della basilica e i quadrilobi di palazzo Ducale.

In vista degli eventi dei 1.600 anni, Venezia conferma intanto due appuntamenti in presenza per primavera-estate: la nuova edizione del Salone Nautico all’Arsenale (dal 29 maggio al 6 giugno), e dal 22 maggio la Biennale Architettura.