Usa: una foto su Twitter svela il nuovo studio di Trump

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump seduto nella scrivania del suo ufficio a Mar -a- Lago.
L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump seduto nella scrivania del suo ufficio a Mar -a- Lago. (TWITTER)

WASHINGTON.  – Alle spalle, ai due lati della finestra, due immagini attaccate alla parete, una che ritrae l’Air Force One in volo e un’altra i visi dei presidenti mamericani scolpiti nella roccia del Mount Rushmore. Sulla scrivania una targa commemorativa che ricorsa la costruzione del mmuro al confine col Messico.

Il nuovo Studio Ovale di Donald mTrump, in quella Casa Bianca d’Inverno di Mar-a-Lago divenuta mora la sua residenza permanente da ex presidente, rivela le cose mper le quali il tycoon vuole si ricordi il suo mandato mpresidenziale, il 45mo della storia americana.

A fare l’inventario degli oggetti sistemati da Trump nel suo nuovo studio è Politico, che prende spunto da una foto pubblicata su Twitter da uno dei suoi più stretti collaboratori, Stephen Miller. Il Mount Rushmore, in South Dakota, simboleggia la battaglia dell’ex presidente a difesa dei padri della patria, anche quelli più discussi, messi in pericolo secondo lui dalla “cancel culture” della sinistra estremista. Il muro è poi il simbolo più significativo dei suoi quattro anni di linea dura sull’immigrazione.

Poi il Wall Street Journal, a ricordare la corsa senza freni della Borsa di New York durante la sua presidenza, soprattutto prima dell’esplodere della pandemia.

E poi due oggetti che hanno scatenato le ironie sui social. Il primo è una bottiglia di Diete Coke che si intravede (forse nel malcelato tentativo di nasconderla) dietro al telefono sulla scrivania, a dispetto dell’appello di Trump a boicottare la multinazionale rea di essersi espressa contro la stretta sul voto dello stato della Georgia.

E poi su un mobile alle sue spalle una statuetta che raffigura un Trump in miniatura: non pochi i post che ricordano la battuta sulle mani piccole di Trump, battuta che lo fece infuriare molto.