Zalone canta ‘La Vacinada’ con Mirren, immunità con ironia

Frame dal video La Vacinada con Checco Zalone e Helen Mirren.

ROMA. – “Sono stata entusiasta che il mio amico e ammirato collega Checco Zalone mi abbia chiesto di comparire insieme a lui in un video per promuovere l’assunzione del vaccino. Lavorare con un uomo di tale eleganza e genialità è davvero un onore e sono molto felice che ci sia stata una risposta così forte al nostro lavoro insieme”.

Con queste parole Helen Mirren ringrazia Zalone per il suo coinvolgimento nel video La vacinada, mettendo anche indirettamente a tacere le polemiche scoppiate sui social sulla possibilità che il filmato possa offendere la donna o che sia stato girato dall’attrice con scarsa consapevolezza (critica, questa, poco credibile, conoscendo l’attrice premio Oscar che da tempo ha una casa in Puglia).

La campagna, iniziata venerdì 30 aprile, e diventata virale in poche ore, racconta la nuova canzone di Checco Zalone, appunto ‘La vacinada’ , attraverso un video con protagonista Francisco Oscar Zalone che, a cavallo della sua Alfa Romeo duetto spider bianca, approda nella masseria della Mirren, donna non più giovane, ma con un vantaggio: sul suo braccio c’è il chiaro segno della vaccinazione.

Una sorta di lasciapassare per un’avventura senza alcun rischio per l’hidalgo spagnolo in piena carestia. Da qui Zalone è pronto a passare su tutto, anche se la donna “tiene la zinna un pochino calada, ma non fa nada non fa nada, e la caviglia un pelino gonfiada ma non fa nada non fa nada…”.

A Zalone infatti non importa quello che dice la gente perché, come racconta la canzone, “miro el tu cuerpo con l’anticuerpo dell’AstraZeneca. A mi me gusta bailare con tigo, o vacinada”, canta ancora mentre la Mirren, consapevole della vera natura del suo fascino, scopre il braccio in modo sensuale per mostrare esattamente il punto in cui è stata vaccinata.

“L’immunidad de gregge ancor no è arivada, ma menomal que estàs La vacinada” dice ancora Zalone che già nel 2020 si era cimentato con ‘Arriverà l’immunità di gregge’, ispirandosi a Domenico Modugno e coinvolgendo Virginia Raffaele, per raccontare la quarantena.

(di Francesco Gallo/ANSA)