Madrid, “blitz” di Carabinieri e Guardia Civile: arrestato “boss” della ‘Ndrangheta

BOLOGNA  – Dal 2019 era tra i latitanti più cercati d’Italia. “Il boss dei boss”, come era stato ribattezzato Domenico Paviglianiti negli anni Ottanta e Novanta, è stato catturato nel corso di una operazione congiunta Guardia Civile e Carabinieri. Il noto capo della ‘ndrangheta’, 60 anni, era stato condannato a 16 anni dalla Procura di Bologna. I reati imputati, associazione di stampo mafioso, omicidio e associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Rimesso in libertà nell’ottobre del 2019, per un errore di calcolo della pena, era subito diventato “uccel di bosco”. Doveva restare in carcere ancora per 11 anni e 8 mesi.

Bloccato in una strada di Madrid, poco lontano dalla casa dove viveva, il boss della ‘ndrangheta, oltre a 6mila euro e documenti falsi con identità portoghese, aveva sei telefonini. Pavigliani, ora, è agli arresti e a disposizione delle autorità competenti.

Prima Barcellona, poi Madrid

Le prime indagini, condotte nel corso dell’anno, avevano portato gli inquirenti a Barcellona. Si presume vi abbia vissuto con la famiglia prima di trasferirsi a Madrid. Stando a indiscrezioni, Domenico Paviglianiti, in questi anni di latitanza, sarebbe stato aiutato dalla malavita locale collegata a quella italiana, un intreccio d’interessi che ormai colpisce trasversalmente tutta l’Europa.

L’“Operazione Rosa dei Venti” sarebbe il risultato di una meticolosa indagine condotta da Carabinieri e Guardia Civile. Ora si indaga su chi potrebbe aver dato copertura al “boss”, agevolato la sua latitanza, e offerto protezione. Al momento dell’arresto Paviglianiti era solo. Si sospetta che potrebbe aver ripreso le sue attività di broker della droga, grazie ai legami con la malavita organizzata che opera in Gibilterra e, soprattutto, lungo le coste africane.

I Carabinieri avrebbero deciso di seguire la pista spagnola dopo una lunga indagine. Con l’aiuto della polizia locale, avrebbero pedinato per mesi alcuni familiari, provveduto ad appostamenti ed intercettato telefonate.

Redazione Madrid