Las Palmas, sottosegretario Mulè ricorda la tragedia della nave “Sud America”

Il sottosegretario Giorgio Mulè (a destra) e l’Ambasciatore Riccardo Guariglia

LAS PALMAS – Per la prima volta, un membro del Governo ha reso omaggio ai connazionali morti nella tragedia accaduta nelle acque del porto di Las Palmas. Una tragedia del mare poco conosciuta, avvenuta nel lontano 14 settembre 1888. La nave passeggeri “Sud America”, con migranti che tornavano a Genova da Rio de Janeiro, era speronata dal vapore “France”. La nave italiano affondò. Sei membri dell’equipaggio e 81 nostri migranti morirono annegati. Presso il cimitero di Las Palmas, uno splendido monumento in marmo, realizzato da uno scultore genovese, raffigura un’Italia turrita addolorata, sotto la quale riposano i resti mortali delle vittime della tragedia. Il monumento, negli anni, è diventato sosta quasi obbligata per gli equipaggi delle navi militari italiane che fanno scalo nel porto. E ogni anno, il Console onorario, José Carlos De Blasio, vi depone una corona di fiore il giorno dell’anniversario della sciagura.

In occasione della sua missione istituzionale alle Canarie, il Sottosegretario di Stato alla Difesa on. Giorgio Mulè, accompagnato dall’Ambasciatore d’Italia in Spagna, Riccardo Guariglia, e dall’Addetto alla Difesa a Madrid, Comandante Simone Malvagna, ha deposto una corona di fiori presso quel monumento. Un gesto assai apprezzato dalla comunità italiana nelle Canarie. Alla cerimonia hanno assistito autorità locali ed esponenti delle nostre collettività di Las Palmas.

Redacción Madrid