Rincón: “Con l’Ecuador un risultato importante dopo una bella gara!”

Il granata Tomás Rincón é stato uno dei migliori in campo contro l'Ecuador.

CARACAS – Domenica la Vinotinto ha portato a casa un’importante vittoria (2-1) contro l’Ecuador sul campo dello stadio Olímpico de la UCV. In questo modo, la nazionale venezuelana ha interrotto una scia negativa di 10 gare ufficiali senza vittorie, l’ultimo successo risale all’anno scorso 2-1 sul Cile (sempre in una gara di qualificazioni verso il mondiale).

La vittoria contro “la Tricolor” é stata frutto di un ottimo lavoro di squadra, tra i protagonisti in campo c’era il calciatore del Torino Tomás Rincón.

“Abbiamo impostato un’ottima gara contro una nazionale che stava facendo le cose molto bene, non ci siamo tirati indietro dopo il loro gol, siamo andati in cerca dei punti ed abbiamo portato a casa il risultato” , ha dichiarato il capitano della Vinotinto in un comunicato stampa.

Prima della sfida dell’Olímpico, l’Ecuador era la seconda nazionale con più reti segnate nelle qualificazioni sudamericane. Nelle ultime 4 gare disputate nelle qualificazioni, la Tricolor aveva concesso soltanto un gol.

Stando alle statistiche fornite dalla Conmebol, prima della gara di domenica, “El General” era uno dei giocatori con più passaggi nel campo rivale (134). L’ex Genoa e Juventus ha elogiato anche il lavoro dei suoi compagni.

“Abbiamo fatto degli ottimi fraseggi sulle fasce. Anche nelle ultime gare il Venezuela aveva giocato bene, ma non eravamo riusciti a chiuderle almeno con un pareggio (contro il Brasile, la Vinotinto conduceva per 1-0 fino al 70esimo e poi si é fatta ribaltare, n.d.r.), mentre contro l’Ecuador siamo riusciti a portare a casa l’intera posta in palio. Questo é frutto dell’ottimo lavoro svolto dalla squadra. Tutti abbiamo apportato il nostro granellino di sabbia ed abbiamo lavorato per tirare avanti la carretta”.

La Vinotinto tornerà in campo giovedì, alle 20:00 (ora di Caracas), per affrontare il Cile nello stadio San Carlos di Apoquindo, nei pressi di Santiago.

 (di Fioravante De Simone / redazione Caracas)