Covid media: Senato accuserá Bolsonaro per genocidio indios

Foto del presidente del Brasile Jair Bolsonaro insieme a indigeni dell'Amazonas, postata dal capo di stato brasiliano su Twitter.
Foto del presidente del Brasile Jair Bolsonaro insieme a indigeni dell'Amazonas, postata dal capo di stato brasiliano su Twitter. Immagine d'archivio

RIO DE JANEIRO.  – In Brasile, il relatore della Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi) sulla pandemia, il senatore di opposizione Renan Calheiros, accuserá il presidente della Repubblica, Jair Bolsonaro, anche del crimine di “genocidio” delle comunitá indigene nel rapporto finale che dovrebbe essere consegnato questo venerdí: lo rivela il settimanale “Istoe”.

Alla base del rapporto – secondo la rivista – sarebbe un documento di sette pagine firmato da giuristi in cui si afferma che “contro le popolazioni indigene, ci sono state azioni e omissioni, durante il periodo della pandemia, culminate in un vero “genocidio”.

“Il tasso di mortalitá per coronavirus tra le popolazioni indigene é del 150% superiore alla media brasiliana e del 19% superiore a quello registrato nella sola regione del Nord”, viene inoltre sottolineato nel documento.

Il Brasile deve raggiungere oggi i 100 milioni di persone vaccinate con le due dosi di vaccini contro il coronavirus su una popolazione di 215 milioni.

Dall’inizio della campagna di vaccinazione, 19.958.396 brasiliani hanno ricevuto le due dosi dei vaccini Pfizer, AstraZeneca e CoronaVac, o l’unica dose prevista di Janssen (Johnson&Johnson). Il numero corrisponde al 46,86% della popolazione. Ieri intanto altre 486.861 persone sono state vaccinate, nonostante in alcuni Stati ci fossero meno posti di vaccinazione aperti a causa della festa nazionale di Nossa Senhora de Aparecida.

Nel frattempo, 149.805.979 persone hanno ricevuto almeno una dose, una cifra che rappresenta il 70,23% della popolazione, mentre 2.468.883 persone di età superiore ai 60 anni sono state vaccinate con una terza dose di rinforzo.

Il numero di morti per Covid-19 in Brasile si è attestato a 601.442, di cui 176 nelle ultime 24 ore, quando la media è stata di 367 nell’ultima settimana.

Il numero totale di contagiati da inizio pandemia ha invece raggiunto 21.588.245, con 7.151 segnalati ieri, secondo le informazioni diffuse dalle segreterie sanitarie dei governi statali.