Calcio venezuelano, Francesco Stifano: “Quando arrivi al Caracas devi puntare in alto!”

Stifano durante il primo allenamento alla guida del Caracas.

CARACAS – Pochi giorni prima della fine del 2021, il Caracas aveva annunciato che l’italo-venezuelano Francesco Stifano sarebbe stato il suo nuovo allenatore per la stagione 2022. In un’intervista rilasciata al programa televisivo Tercer Tiempo, il mister di origine campana ha parlato di questa nuova esperienza nella Liga Futve.

“Sono felice di ritornare nel mio paese dopo due anni di esperienza nel calcio colombiano. É stata una situazione inattesa. Questo è un club meraviglioso, ben strutturato e con le idee chiare. Adesso bisogna continuare il lavoro svolto negli ultimi 5 anni da Noel Sanvicente” ha dichiarato Stifano.

L’allenatore di origine salernitana ha una vasta esperienza in Primera División dove ha allenato il Real Esppor (poi diventato Deportivo La Guaira), Portuguesa, Tucanes, Zamora e Zulia. Adesso, dopo l’esperienza in Colombia con le Águilas Doradas, c’é stata la possibilità di tornare in patria con uno dei club più blasonati del paese e non se l’è lasciata sfuggire.

“Quando sogni di allenare club importanti, l’asticella sarà sempre alta. Io credo che quando devi allenare un club di questo calibro le esigenze sono sempre alte ed avrai l’obbligo di essere preparato per questa situazione”.

Il club capitolino sta muovendosi sul mercato per dare una squadra competitiva a mister Stifano, tra i nuovi innesti c’é il ritorno del portiere Alain Baroja,

“La squadra che trovo é un ottimo gruppo. L’innesto di Alain Baroja per me é fondamentale, un portiere di un ottimo livello. Stiamo lavorando per portare un paio di difensori, un centrocampista ed un giocatore per rinforzare il reparto offensivo. Al momento abbiamo ancora in rosa a Samsón Akinyoola”.

L’allenatore le cui origini sono di Pellare, in provincia di Salerno, avráà il compito di far smaltire l’amarezza per l’addio di Sanvicente ai tifosi capitolini. Il Caracas in questa stagione oltre agli impegni nel torneo locale, disputerà la fase a gironi della Coppa Libertadores.

“Abbiamo pianificato tutto il ritiro prestagionale. Questo sarà fondamentale per affrontare i mesi di aprile e maggio quando saremo impegnati nella Coppa Libertadores. Grazie a Dio abbiamo giocatori giovani che ci aiuteranno a superare questa fase del torneo”.

(di Fioravante De Simone / redazione Caracas)