Scienziati, eliminare le armi atomiche entro il 2045

(ANSA) – ROMA, 25 GEN – Un ‘no’ all’uso e alla produzione delle armi atomiche e la richiesta di eliminarle entro il 2045: è quanto si legge nella lettera aperta rivolta ai cinque Paesi nucleari (Cina, Francia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti) e agli Stati che hanno aderito al Trattato di non proliferazione (Npt), e che ha raccolto oltre mille firme in 69 Paesi, tra scienziati, ex ministri, ambasciatori e parlamentari, leader religiosi, imprenditori e premi Nobel. Tra questi ultimi, l’italiano Giorgio Parisi, vicepresidente dell’Accademia nazionale dei Lincei. Promotore dell’iniziativa è la rete NoFirstUse Global, che comprende organizzazioni, accademici, politici e sostenitori della società civile. Intitolata ‘Adempiere all’NPT: dalle minacce nucleari alla sicurezza umana’, la lettera chiede agli Stati che hanno armi nucleari di adottare politiche di non primo uso e di impegnarsi ad eliminare le loro armi nucleari non più tardi del 2045, in occasione dei 75 anni del Trattato; chiede inoltre di adottare politiche tese ad assicurare che non venga mai combattuta una guerra nucleare e di spostare bilanci e investimenti pubblici dall’industria delle armi nucleari al sostegno della salute pubblica, alla stabilizzazione del clima e allo sviluppo sostenibile. (ANSA).